Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 638
MODICA - 17/01/2012
Attualità - E’ stato chiesto un incontro con l’amministrazione

I sindacati a Buscema: "Ritirare le cartelle Ici"

Cgil, Cisl ed Uil vogliono anche una seria lotta agli evasori Foto Corrierediragusa.it

Il sindacato non ci sta; intende difendere quanti sono stati raggiunti da cartelle «pazze» di Ici e Tarsu. I tre segretari zonali di Cgil, Piero Pisana, Cisl, Giorgio fede ed Uil, Giuseppe Ruta, hanno chiesto un incontro al sindaco per discutere di una questione che tocca da vicino tutti i cittadini.

«In particolare – ha detto Piero Pisana nel corso di una conferenza stampa tenuta alla Camera del lavoro – quanti hanno pagato le cartelle e dovranno ora far valere le proprie ragioni sottoponendosi a code e dovendo produrre ricevute che probabilmente non hanno più a distanza di sei anni». Cgil, Cisl ed Uil hanno chiesto, nel frattempo che la questione sia chiarita, la sospensione dei pagamenti delle cartelle notificate visto che il tasso di errore nelle cartelle 2006 dell’Ici è del 80 per cento.

«Le cartelle hanno colpito nel mucchio – dicono i tre sindacalisti – Ci sono almeno due errori di fondo nella loro compilazione. La prima è che non è stato calcolato l’abbattimento previsto nel 2006 per la prima casa e poi il sistema di individuazione del’eventuale evasione è stato calcolato sui vani dichiarati e non sulla superficie effettiva. Non c’è dunque alcuna certezza e bisogna correre ai ripari». Fuori dagli accertamenti inoltre sembrano rimanere gli evasori totali ed il sindacato ha suggerito di avviare controlli incrociati facendo riferimento alla titolarità dei contatori Enel.

L’evasione secondo le stime del sindacato sfiora il 40 per cento soprattutto per le case di campagna ed è lì che bisognerà colpire per incassare cifre significative. In sede di incontro con l’amministrazione i segretari chiederanno inoltre chiarimenti sulla raccolta differenziata. L’argomento è caduto infatti nel dimenticatoio dopo che l’amministrazione ha annunciato a varie riprese l’avvio del nuovo sistema di raccolta. Per il sindacato la differenziata consentirà di abbattere in modo significativo il costo della Tarsu che oggi pesa sulle tasche dei contribuenti.

L’ufficio tributi del comune intanto informa che le variazioni intervenute nel 2010 e le nuove occupazioni di immobili devono essere comunicate entro giorno 20 per godere degli eventuali benefici previsti.