Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 473
MODICA - 04/01/2012
Attualità - L’opera, inaugurata lo scorso 21 dicembre, è stata realizzata per celebrare il 150mo dell’Unità d’Italia

Il Parco della Musica di Firenze "parla" modicano

Lo studio dell’ingegnere Giorgio Linguanti ha contribuito alla progettazione
Foto CorrierediRagusa.it

Anche uno studio di ingegneria modicano ha contribuito alla progettazione del nuovo Parco della Musica e del Teatro dell’Opera del Maggio musicale fiorentino (nella foto). L’originale struttura è stata realizzata in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia con un investimento di 250 milioni di euro.

Il Parco della Musica di Firenze è stato inaugurato il 21 dicembre scorso con un concerto del maestro Zubin Mehta per orchestra e coro. Lo studio dell’ingegnere Giorgio Linguanti, operante a Modica, ha dato il suo contributo grazie alla collaborazione con la Tonelli Ingegneria di Avezzano nella progettazione nei disegni di officina delle strutture. Lo studio si è anche avvalso dell’opera dell’ingegnere Gianluca Iacono e di disegnatori esterni.

Per la realizzazione dell’opera sono stati lavorati opere in carpenteria metallica per 2 milioni di kg di acciaio, l’equivalente di un opificio industriale di circa 40.000 mq (4 ettari). La copertura della sala grande interamente in acciaio ha una luce di 55 metri per una superficie di circa 2500 metri quadrati- Il nuovo teatro dell’opera, nuova sede del Maggio Musicale Fiorentino, dispone di tre sale grado di ospitare simultaneamente eventi di ogni tipo, per un numero complessivo di 5mila spettatori; la sala più grande, inaugurata in questi giorni, può contenere 1.800 spettatori.