Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:36 - Lettori online 1323
MODICA - 22/12/2011
Attualità - Il provvedimento è del Giudice del lavoro

Licenziato ad agosto, reintegrato operaio

Il dipendente,iscritto alla CGIL ,che ha proposto il ricorso si è avvalso dall’art. 18 dello Statuto dei lavoratori che sancisce la non licenziabilità senza giusta causa

Il giudice del lavoro presso il Tribunale di Modica ha reintegrato nel posto di lavoro il dipendente della Ditta Giorgio Puccia, O.V. di 51 anni di Modica, che con lettera del 31 agosto di quest’ anno era stato licenziato in tronco.
Alla base della drastica decisione il comportamento del lavoratore che, secondo quanto sostenuto dalla Ditta che ha adito al giudice di merito, non era stato giudicato rispettoso nei confronti di un sorvegliante comunale.

Il giudice di merito ha stabilito che il comportamento dell’operaio secondo non era stato preventivamente contestato in maniera specifica ed univoca e quindi non poteva essere licenziato. Il dipendente,iscritto alla CGIL ,che ha proposto il ricorso si è avvalso dall’art. 18 dello Statuto dei lavoratori che sancisce la non licenziabilità senza giusta causa.

Il segretario generale della Cgil Giovanni Avola ha accolto favorevolmente la sentenza del Giudice del lavoro: «Avevamo valutato eccessiva l’atteggiamento della Ditta Giorgio Puccia che gestisce il servizio NU a Modica nei confronti del nostro iscritto. Si tratta di un lavoratore e padre di famiglia notoriamente conosciuto come persona equilibrata e corretta nell’ambito dell’ambiente di lavoro: mai oggetto di contestazione alcuna, nè destinatario di azioni disciplinari. Ci rendiamo conto che il clima, per quelli iscritti al sindacato e soprattutto alla CGIL , non è dei più adeguati e comunque consoni a poter svolgere un’attività delicata e importante come quella dell’operatore ecologico».