Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1008
MODICA - 20/12/2011
Attualità - Il conferimento è esteso anche ad enti pubblici e scuole

Rifiuti tecnologici, tolleranza zero e ritiro gratis per 3 mesi per scuole ed enti pubblici

Il protocollo di intesa è stato firmato a palazzo S. Domenico
Foto CorrierediRagusa.it

Un protocollo d’intesa «Tolleranza zero RAEE» sancisce tra il Comune e la società consortile RAEcycle l’avvio di una campagna di sensibilizzazione sulla corretta gestione dei rifiuti tecnologici ( RAEE) e raccolta straordinaria RAEE, a titolo gratuito, per una durata di novanta giorni presso gli Enti Pubblici, Circoli Didattici e Istituti di Istruzione primaria.

A presiedere la presentazione dell’accordo il Sindaco, Antonello Buscema e l’assessore all’Ambiente, Giovanni Spadaro, il responsabile del sistema collettivo RAEcycle S.C.p.A., Paolo Signorino ed, Emma Schembari, esperta in politiche ambientali e consulente gratuita del sindaco in materia.

La necessità di una raccolta della RAEE nasce dalla necessità che il prodotto non può essere nè bruciato, nè conferito in discarica, come ha precisato Paolo Signorino, e quindi va prima raccolto, ordinato e documentato e poi consegnato dietro appuntamento, al consorzio della RAEcycle di Siracusa che curerà il ritiro. Le richieste al fax 0931 / 754157 o via e-mail ecocentro.rae@gmail.com.

Le scuole, gli uffici pubblici, comprese le forze dell’ordine, potranno disfarsi di apparecchiature obsolete e non utilizzate e che non hanno avuto la possibilità di avviare autonomamente le procedure di conferimento/recupero e che ora hanno l’opportunità di disfarsene nei modi previsti dalla normativa vigente.

Le tipologie sono divise in raggruppamenti : frigoriferi, condizionatori, congelatori, poi lavatrici, lavastoviglie, asciugatrici, cappe e forni e cucine, poi Tv e monitor, poi aspirapolvere, tastiere e, casse pc. Computer, stampanti, giochi elettronici, ventilatori, asciuga capelli e piccoli elettrodomestici. Sorgenti luminose come lampadine a basso consumo, neon e quelle fluorescenti. Le modalità di conferimento degli istituti e degli enti pubblici della RAEE sono stati poi spiegati dalla consulente Emma Schembari.

Il sindaco e l’assessore Spadaro hanno così commentato l’iniziativa: «In questi tre anni di amministrazione dopo avere impostato la scelta di avere una Città pulita stiamo concretizzando altre iniziative di settore. Dopo la RAEE organizzeremo la raccolta degli oli esausti, la raccolta differenziata, il cui bando è ancora bloccato e il compostaggio. Il settore sarà quindi destinato ad essere organizzato su una più articolata politica complessiva che darà il via alla seconda fase ambientale in Città».

Nella foto: da sin. Schembari, Buscema, Spadaro, Signorino)