Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 708
MODICA - 14/12/2011
Attualità - Spenta nelle ore notturne l’illuminazione pubblica tra S. Pietro e S. Giorgio

Buio pesto: la Via Lucis diventa l´incubo dei residenti

Da via Castello a S. Giorgio difficile muoversi soprattutto per gli anziani

La Via lucis è diventata un incubo per i residenti del centro storico. Il progetto voluto dall’amministrazione comunale ha riscosso successo e consensi ma si è rivelato indigesto, e forse anche pericoloso, per quanti risiedono nelle strade che portano da S. Pietro a S. Giorgio. Le decorazioni artistiche con le quali sono state decorate le strade ed i vicoli della città storica sono infatti del insufficienti per garantire un minimo di luminosità e restano solo degli orpelli.

Gli organizzatori hanno deciso di mantenere spente le luci della pubblica illuminazione per esaltare i manufatti degli studenti del Liceo Artistico fissati proprio sui bracci delle lampade pubbliche ma non hanno tenuto in considerazione le esigenze di chi in centro vive ed abita. Al calar della sera dunque via Castello, via Grana, via Raccomandata, via Lanteri piombano nell’oscurità totale e diventa difficile anche camminare.

Gli anziani preferiscono non avventurarsi per strada e c’è chi si è munito di torce. Il prolungarsi della via Lucis fino all’anno nuovo impone dunque delle modifiche visto che emerge anche una questione di sicurezza nelle strade interessate. Le luci potrebbero essere spente solo nel fine settimana quando è prevedibile che i visitatori siano più numerosi; in alternativa l’oscurità potrebbe essere mantenuta nella fascia delle visite per poi ripristinare l’impianto di illuminazione dalle 22 in poi. L’oscurità totale non giova a nessuno e può diventare anche motivo di impedimento.

Le proteste dei residenti sono state già indirizzate al sindaco ed agli organizzatori perché si provveda e la via Lucis sia tale non solo a fini artistici ma anche per le necessità della vita quotidiana.