Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1134
MODICA - 13/12/2011
Attualità - La proposta di 4 consiglieri comunali

"Terrore" tributi a Modica: task-force contro gli errori

Mentre l’amministrazione ha avviato dei controlli incrociati con il catasto

Mentre l’amministrazione ha avviato dei controlli incrociati con il catasto per scovare chi paga solo in parte la tassa sulla spazzatura dichiarando una estensione ridotta, rispetto a quella reale, della privata abitazione, quattro consiglieri comunali propongono la creazione di una task force che si occupi in generale della gestione dei tributi, giudicata approssimativa. Anche tra i cittadini onesti, quelli che per intenderci pagano regolarmente le tasse fino all’ultimo centesimo, serpeggia grande preoccupazione per i tanti ed inspiegabili errori, che, secondo i consiglieri Giorgio Aprile, Maurizio Di Mauro, Massimo Puccia e Giorgio Stracquadanio, «forse sono stati addirittura commessi – si legge nella nota congiunta – solo per giustificare previsioni di bilancio inattuabili».

L’emissione dei ruoli scaturiti dalle modifiche apportate dall’incrocio dei dati dell’agenzia del territorio, per esempio, ha di fatto determinato tra i cittadini preoccupazione e incredulità. Secondo i consiglieri, le cartelle annotano sperequazioni ingiustificate , riportando numeri assolutamente fuorvianti. L’ansia dell’utente si è tradotta in peregrinazioni agli uffici comunali per ottenere chiarimenti, determinando solo caos e disagi per le lunghe code.

Da qui la proposta dei quattro consiglieri d’intervenire nel concreto attraverso l’istituzione, all’interno della macchina burocratica comunale, di un ufficio centrale di raccolta dati, formato da 30 unità in grado di verificare, e quindi censire ex novo, tutte le utenze immobiliari presenti a Modica, revisionando e, di fatto, procedendo ad una nuova riperimetrazione, di tutto il territorio. Questo intervento, secondo i quattro consiglieri, farà scaturire dati reali e limerà in ogni modo sperequazioni nelle cartelle come sta avvenendo oggi.