Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 639
MODICA - 12/12/2011
Attualità - Botta e risposta

Viabilità Polocommerciale: Carpentieri richiama Sammito

Continua a far discutere la vicenda del traffico veicolare impazzito

«Liberare l’asse della ex strada statale 115 dal traffico extraurbano appare ormai non più una semplice, per quanto pressante, esigenza delle imprese e delle attività commerciali, ma un’urgenza non più rinviabile per tutti: i cittadini, gli automobilisti, coloro che vengono da fuori provincia». Il presidente del consorzio Polocommerciale di Modica Girolamo Carpentieri torna a sollevare la problematica dell’arteria che attraversa il Polocommerciale, diventata teatro di code chilometriche dopo lìapertura del nuovo centro commerciale.

«Il traffico insostenibile di questi ultimi giorni – dice Carpentieri – ci fa capire che una soluzione dev’essere trovata subito. E ci dice chiaramente che in questo lungo tratto, che va dalla Zona artigianale fino all’incrocio con la via Sacro Cuore, è necessario che si concentri solo quel flusso che effettivamente si dirige verso le imprese e le attività commerciali, in modo che si trasformi in un vero e proprio viale del commercio». Il traffico in transito dall’esterno, in particolar modo quello che proviene dall’autostrada e attraversa il Polocommerciale per dirigersi verso Ragusa, secondo Carpentieri dev’essere dirottato altrove.

«Da diversi anni – aggiunge il presidente del Polocommerciale – noi abbiamo sollecitato le istituzioni locali affinché prendessero a cuore questo problema e si adoperassero per risolverlo: adesso ci troviamo in un momento in cui «è già troppo tardi». Per tanto tempo ci si è battuti per la bretella di Bugilfezza, che ha perso i finanziamenti nel momento in cui si è considerato che fosse un’opera poco utile alla luce dell’imminente realizzazione dei lotti autostradali fino a Scicli e della possibilità di progettare piuttosto uno svincolo in uscita all’altezza di contrada Quartarella, da collegare alla SS 194.

Il Presidente della Provincia aveva assicurato che si sarebbe interessato all’Anas per far inserire i costi di progettazione della bretella nel finanziamento dei lotti autostradali. Ma nel frattempo è calato il silenzio, che si somma a quello dell’amministrazione comunale di Modica. «Non sappiamo a che punto sia questa ipotesi, ma ci chiediamo: non dovrebbe essere l’Amministrazione comunale, piuttosto che noi, a farsi promotrice di tutte le interlocuzioni necessarie con la Provincia e con le amministrazioni di livello superiore, a preoccuparsi di quali sono le opere necessarie a sostegno dello sviluppo del territorio e ad adoperarsi per realizzarle?

Non posso non ricordare che circa un anno fa abbiamo partecipato ad un incontro promosso dal Partito Democratico su questi argomenti, e lo scorso mese di marzo abbiamo accettato di prendere parte ad un incontro di lavoro organizzato dall’Amministrazione comunale con i tecnici del settore: in entrambe queste occasioni mi sono personalmente fatto promotore della necessità di progettare un’arteria di collegamento tra la via Modica-Ispica, la via Sorda-Sampieri e contrada Pirato, e in generale dell’esigenza di avviare la progettazione delle opere del futuro in quest’area della città in forte espansione.

A queste sollecitazioni non abbiamo mai avuto un riscontro di alcun tipo e non reputiamo accettabile che l’Amministrazione non si preoccupi di progettare la città del futuro che, in verità, è già un «presente» che pone non pochi problemi. Chiediamo un riscontro preciso all’Amministrazione su questo argomento e al contempo auspichiamo – conclude Carpentieri – che si acceleri l’iter per la realizzazione dei lotti dell’autostrada da Rosolini a Scicli».

L’assessore comunale alle opere pubbliche Peppe Sammito risponde alle critiche rivoltegli dal presidente del consorzio Polocommerciale Girolamo Carpentieri per quanto riguarda i lavori sulla ex statale 115 che attraversa il Polocommerciale e le arterie parallele che potrebbero costituire delle valide alternative.

«Con Carpentieri – dice Sammito – abbiamo in corso da circa un anno una interlocuzione diretta, pressoché quotidiana, finalizzata ad affrontare e risolvere svariate problematiche prevalentemente collegate alla realizzazione delle opere viarie del contratto di quartiere e mi preme ancora una volta evidenziare le iniziative e le opere già realizzate, quelle che sono in corso e quelle che sono in gestazione, in modo tale che si possa avere cognizione di dove si è partiti e di dove s’intende arrivare.

In poco più di un anno e mezzo – prosegue l’assessore – l’amministrazione comunale ha compiuto molteplici atti, rendendo transitabili tante strade di Modica, e del quartiere Sorda in particolare. Abbiamo seguito la realizzazione del centro commerciale «La Fortezza», ottenendo la realizzazione della nuova rotatoria Fortezza-Zona Artigianale e la pavimentazione della sede stradale tra quello snodo e la rotatoria di Musebbi, debitamente illuminata, asfaltando il tratto stradale al lato della concessionaria d’auto che da anni si presentava come un percorso di guerra.

Abbiamo avviato e praticamente completato, in un anno, i lavori sull’asse viario del contratto di quartiere, superando innumerevoli problematiche legate alla urgenza di realizzare i lavori, in un contesto di grande traffico e di forte pressione degli operatori.

Abbiamo in corso una interlocuzione difficile – aggiunge Sammito – con la cassa depositi e prestiti per l’erogazione del mutuo che ci consentirà di realizzare il tratto del nuovo percorso urbano che va dalla «Galleria Solaria» all’incrocio con la rotatoria in uscita da via Sacro Cuore. Abbiamo cominciato a finanziare, con fondi comunali, il nuovo sbocco viario della Sorda all’altezza del viadotto della Caitina e stiamo per portare in consiglio comunale – conclude Sammito – la delibera di riapprovazione del progetto di rotatorie all’altezza del quartiere Dente, che rappresenterà il nuovo ingresso di Modica per il flusso proveniente da Ragusa.