Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1190
MODICA - 10/12/2011
Attualità - La proposta del consigliere Mpa

La nuova viabilità vicino alle scuole secondo Cavallino

Per diminuire i nefasti effetti del traffico veicolare

Ancora disagi causati dal traffico nella cosiddetta «Cittadella degli studi» di Modica Sorda negli orari di entrata e di uscita degli alunni dalle scuole e, in particolar modo, nel tratto adiacente l’istituto comprensivo Giovanni XXIII. Il consigliere comunale Mpa Tato Cavallino, con delega alla pubblica istruzione, rivolge quindi una proposta al sindaco e all’assessore alla viabilità.

«Pur avendo l’Amministrazione Comunale apportato delle modifiche migliorative alla viabilità nella zona limitrofa agli istituti scolastici, come richiesto da più parti in precedenza – dice Cavallino – tuttavia le lamentele di genitori ed operatori della scuola sono diverse avvalorate soprattutto dal pericolo per l’incolumità pubblica che si rischia quotidianamente. Alla luce di ciò – prosegue Cavallino – propongo la chiusura al traffico di questo tratto di strada dalle 8 alle 8.30 e dalle 13 alle 13.45, al fine di evitare ingorghi e pericolo per gli studenti e pedoni in generale.

Una soluzione fattibile – sottolinea il consigliere autonomista – considerato che nella zona insistono diverse arterie secondarie che permettono ugualmente l’entrata e l’uscita in tutta l’area dove insistono gli istituti scolastici». Per Cavallino, in una seconda fase, si potrebbe inoltre creare una nuova apertura dalla parte posteriore della «Giovanni XXIII» contigua al piazzale Baden Powell, in modo da rendere meno affollata e caotica l’entrata e l’uscita degli alunni dall’ingresso principale. Una proposta peraltro condivisa dal dirigente scolastico dell’istituto.