Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 470
MODICA - 10/12/2011
Attualità - Anche la cucina chiusa per 2 settimane

Stop alla musica per 9 mesi al Joy Club dopo la rissa

La decisione assunta dal Questore dopo i controlli della polizia

Stop alla musica per ben nove mesi al Joy Club di Modica e cucina chiusa per due settimane. Lo ha deciso il Questore di Ragusa, Filippo Barboso, nei confronti del locale di tendenza notturno di Piazzale Domenico Bruno, al Polo Commerciale.

Il capo della polizia in provincia ha fatto notificare i provvedimentito nelle corse ore ai titolari dagli agenti della sezione di polizia amministrativa del Commissariato, a seguito dei fatti violenti dello scorso 27 novembre. Il Questore ha, inoltre, sospeso l’attività di ristorazione del locale per quindici giorni.

Un duro colpo per il Joy Club che arriva nel periodo più importante della stagione visto che interessa anche le festività di fine anno. Nella notte tra il 26 e il 27 novembre si era verificata una rissa, iniziata all’interno del locale notturno e proseguita all’esterno dopo che la «security» aveva messo alla porta i protagonisti, due gruppi di ventenni di Modica e Vittoria.

A pagarne le spese erano stati quattro giovani modicani, tra i diciannove e i ventuno anni, uno dei quali, nel momento in cui si apprestava a scendere le scale per allontanarsi, era stato spinto violentemente spinto alle spalle rotolando giù per diversi metri, e che erano dovuti ricorrere alle cure del Pronto Soccorso da dove era partita, come prassi, la segnalazione alla polizia. A qualcuno era stato necessario applicare numerosi punti di sutura, un altro aveva riportato la frattura del setto nasale.

Per tutti contusioni e traumi intercostali, al volto, agli arti con prognosi di quindici di giorni. Alla luce degli accadimenti, la polizia aveva disposto nuovi controlli nel locale dopodiché aveva rendicontato al Questore il quale ha ritenuto che ci fossero le condizioni per firmare lo stop per la discoteca per nove mesi e per la ristorazione per quindici giorni.