Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 886
MODICA - 02/12/2011
Attualità - La struttura finanziata con 517 mila euro grazie ad un progetto con il Ministero dell’Interno

Nuovo campetto polivalente in contrada Rocciola Scrofani

Potrà essere utilizzato sia per il calcio a 5 ma può essere riconvertito in campo di basket e pallavolo

Ente locale e Ministero dell’Interno per garantire ed esaltare la legalità. E’ questa la filosofia del progetto «Io gioco legale» che ha visto operare in sinergia le due istituzioni grazie ad un bando di concorso che assegna un finanziamento di 517 mila euro per la costruzione di una struttura polivalente.

Si tratta di un campetto destinato ai giovani che potrà essere utilizzato sia per il calcio a 5 ma può essere riconvertita in campo di basket e pallavolo. La struttura sportiva è prevista al centro di un popoloso quartiere di edilizia convenzionata nella periferia nord della città, in contrada Rocciola Scrofani. L’area si estende su 1.500 metri quadrati e l’amministrazione comunale, partecipando al bando per il finanziamento dell’opera, lo aveva individuato e destinato a questo preciso scopo.

L’iter del progetto prevede la nomina di un progettista per la redazione dell’elaborato esecutivo e di quello definitivo e quindi avviare le procedure di gara d’ appalto per realizzare l’opera.

La realizzazione dell’opera e la sua finalità si inquadra nel progetto complessivo di dotazione, nei vari quartieri della città, di aree di aggregazione. E’ stato fatto con «Crisci Ranni» all’ex foro Boario, a Treppiedi Nord e a Modica Alta ma ne sorgeranno altre grazie agli interventi previsti dalla legge 328. Il campetto non è dunque solo di una struttura sportiva ma un elemento del più vasto progetto di assistenza ai giovani.

La gestione del futuro polivalente sarà affidata ad associazioni del volontariato che coordinerà l’attività sportiva destinata ai giovani del quartiere.