Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 933
MODICA - 16/11/2011
Attualità - Lo scrittore insegnò Lettere al "Verga" dal 1949 al 1951

Un´aula intitolata al prof. Gesualdo Bufalino

L’autore di "Argo il Cieco" ambientò in città il suo romanzo forse più famoso

Una lapide in un’aula al piano terra dell’istituto magistrale «Verga» ricorda Gesualdo Bufalino. Lo scrittore comisano insegnò infatti per due anni presso l’istituto modicano dove tenne negli anni scolastici 49-50 e 50’-51 una delle cattedre di Italiano e Storia.

La cerimonia commemorativa si è tenuta al «Verga» alla presenza del sindaco Antonello Buscema , del dirigente scolastico Alberto Moltisanti; vi hanno preso parte anche Antonio Sichera e Riccardo Emmolo che hanno tratteggiato la figura del docente e dello scrittore. Ernesto Ruta ha letto alcuni passi del romanzo forse più noto di Bufalino, Argo il Cieco. Fu l’opera che fece conoscere al grande pubblico lo scrittore comisano che proprio dalla sua esperienza di docente al Magistrale trasse spunto per raccontare la vicenda di un docente che si innamora di una giovane donna di cui si innamora, non ricambiato.

Argo Il cieco è anche il romanzo che meglio descrive le atmosfere e gli ambiente della città negli anni 50’ a cominciare dalla metafora del «melograno spaccato» in cui Bufalino sintetizza la particolare orografia della città. Argo Il cieco è stato poi trasposto in film grazie alla cinepresa di Beppe Cino che cinque anni fa realizzò «Maria Venera» avvalendosi di molte location in città.