Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 526
MODICA - 10/11/2011
Attualità - Licenziamenti in vista a Video Mediterraneo, incontro tra le parti venerdì prossimo

Carmelo Carpentieri: "Con Assostampa ho finito di giocare"

Per il segretario provinciale Giannì Molè il comportamento dell’editore è "ondivago"

L’editore di Video Mediterraneo ha intenzione di licenziare una parte dei suoi dipendenti ed entra in conflitto con l’Assostampa. Dice Carmelo Carpentieri: «Ho finito di giocare quando ero giovane, ormai non gioco più». Messaggio criptico alla Assostampa che non lascia prevedere nulla di buono e che lascia presupporre un braccio di ferro. Intanto l´editore ha convocato una riunione con i rappresentanti sindacali per venerdì prossimo per discutere della situazione venutasi a creare in seno al gruppo editoriale.

Per il sindacato l’editore deve applicare la Cig su tutto il personale mentre Carpentieri è di altro parere e l’ha già applicata solo su 18 unità di personale, di cui 9 giornalisti a zero ore, secondo criteri molto personali.

Per il segretario provinciale Gianni Molè l’atteggiamento dell’editore è «ondivago». Il segretario critica anche le modalità di applicazione della cassa integrazione nonostante la mediazione del prefetto, davanti al quale tuttavia l’editore non si è presentato La buona notizia per i dipendenti dell’emittente è il pagamento degli stipendi fino ad Agosto grazie all’erogazione del contributo statale per l’emittenza televisiva.

"L’Associazione Siciliana della Stampa - si legge in un documento - nel ribadire la necessità inderogabile di trovare soluzioni concertate, avvierà con l´azienda un confronto serrato per individuare una strada che possa tenere conto delle esigenze dei lavoratori e dell’azienda per il mantenimento dei posti di lavoro e il rilancio di una testata che nel giro di quattro anni ha fatto ricorso già per ben tre volte agli ammortizzatori sociali».