Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 777
MODICA - 30/10/2011
Attualità - Chocobarocco lancia il progetto

"Itinerario culturale europeo del cioccolato"

Fine Chocolate Organization, rappresentato da Filippo Pinelli e Mara Fabrizio, ed il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica hanno illustrato l’iniziativa nel corso del convegno tenutosi all’Auditorium «Pietro Floridia»

Modica lancia il progetto di «Itinerario culturale europeo del cioccolato». Fine Chocolate Organization, rappresentato da Filippo Pinelli e Mara Fabrizio, ed il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica hanno presentato il progetto nel corso del convegno tenutosi all’Auditorium «Pietro Floridia». Questo sarà presentato prossimamente al Consiglio Europeo per l’approvazione. I lavori sono stati introdotti dal direttore del Ctcm, Nino Scivoletto, che ha ribadito il ruolo culturale che il Consorzio vuole svolgere promuovendo un’eccellenza del territorio.

«L’itinerario culturale del cioccolato» ha spiegato nella sua presentazione Grazia Dormiente, vuole legare città d’arte, borghi medievali, città barocche, monasteri ed abbazie ma anche paesaggi uniti dal filo comune del cioccolato. Partendo da Modica e risalendo attraverso Perugia, Firenze, Torino e Cuneo. Dall’Italia l’itinerario muove verso la Francia passando per Aix en Provence, Bayon, oltrepassa i Pirenei arrivando a Barcellona, Saragozza, Valencia ed Alicante. Dalla Spagna il percorso si dirige verso il Nord Europa e precisamente in Belgio e Gran Bretagna. Tutte queste località sono accomunate nel progetto non solo per la loro tradizione dolciaria ma anche per la forte connotazione storico – culturale. Antonio Barone, direttore della Rotta dei Fenici, ha parlato del ruolo importante degli itinerari culturali come volano dello sviluppo e rappresentano il futuro del turismo.

Gori Sparacino, direttore dell’itinerario Iter Vitis, ha sottolineato dal suo canto l’importanza non solo dei prodotti ma anche della matrice culturale che condividono in quanto espressione del territorio. E’ intervenuto anche l’assessore alla Cultura della Provincia di Perugia, Donatella Porzi, dando il contributo dell’esperienza positiva maturata in Umbria con il rilancio, grazie agli itinerari culturali, del turismo di qualità. Sandro Gambuzza, presidente della Camera di Commercio di Ragusa ha rimarcato il ruolo che l’ente camerale intende giocare nell’iter di approvazione del progetto che interessa una delle eccellenze enogastronomiche della realtà provinciale.