Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 825
MODICA - 28/10/2011
Attualità - L’assemblea dei dipendenti ha dato mandato alla Assostampa di impugnare il provvedimento

Cassa integrazione per 18 a Video Mediterraneo

Saranno programmati cinque giorni di sciopero, lunedì incontro in Prefettura

Si acuisce la situazione di crisi nel Gruppo editoriale Video Mediterraneo. Da martedì 18 dipendenti, di cui 9 del settore giornalistico, sono stati proposti per il regime di cassa integrazione e questo ha fatto scattare una formale presa di posizione dell’assemblea dei lavoratori e dell’Assostampa.

La decisione di porre il personale in cassa integrazione è stata presa in modo unilaterale, senza concertazione e senza fare riferimento a criteri di individuazione ben definiti da parte dall’editore per cui l’assemblea dei dipendenti ha dato mandato al segretario dell’Assostampa di impugnare il provvedimento. L’assemblea dei giornalisti ha deciso inoltre di indire uno sciopero di 5 giorni per il mancato pagamento di cinque mensilità arretrate. Le modalità dello sciopero sono state affidate al comitato di redazione ed alla segreteria provinciale dell’Assostampa.

L’Associazione Siciliana della Stampa ha altresì chiesto un urgente incontro al prefetto di Ragusa per avere risposte certe da parte del ministero dello Sviluppo Economico sui tempi di erogazione dei contributi statali sull’editoria e di convocare l’azienda, perdurando il diniego ad un incontro con il sindacato giornalistico richiesto da tempo. Il prefetto riceverà la delegazione dell´Assostampa lunedì pomeriggio

Anche la segreteria territoriale dell’Ugl ha chiesto un incontro urgente con l’editore per un confronto sulle problematiche sul tappeto in modo da evitare ulteriori iniziative sindacali.