Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 923
MODICA - 25/10/2011
Attualità - L’indicazione di Michele Di Raimondo a nuovo componente del direttivo scatena la bagarre

Nomine Liceo Convitto, il sindaco manda tutti a casa

Antonello Buscema ha comunicato che le nomine del 2008 sono state viziate dal mancato rispetto della procedura e sono dunque da ritenersi nulle

E’ bufera all’Ente Liceo Convitto. La nomina di un nuovo componente nel consiglio direttivo della Fondazione per ripristinare il plenum fa scattare l’ira del sindaco che ha deciso di azzerare tutto il consiglio. Al presidente della Fondazione Giorgio Colombo Antonello Buscema ha comunicato la sua decisione senza mezzi termini invitandolo a mettere in moto l’iter per la costituzione del nuovo direttivo.

La nomina di Michele Di Raimondo quale nuovo componente ha suscitato le ire dello stesso presidente Giorgio Colombo che ha scritto una lunga lettera al sindaco lamentando di non essere stato coinvolto nella decisione e di avere tradito le procedure previste dalla Statuto della Fondazione.

«Ne prendo atto – ha detto il sindaco a Giorgio Colombo - Ritiro la nomina di Michele Di Raimondo ma avendo preso atto che le nomine fatte nel 2008 per la costituzione dell’attuale consiglio direttivo, erano state concretizzate senza aver seguito le procedure previste dall’articolo 5 dello Statuto, anche le nomine precedenti devono essere annullate e quindi bisognerà riavviare il procedimento. Sono molto amareggiato per la vicenda e registro che quando fu nominato il presidente e il consiglio direttivo in carica nessuno a cominciare dai nominati, sollevò eccezioni procedurali seguendo, come al solito, le logiche di appartenenza, né ci fu chi gridò alla scandalo. Oggi nominandone uno, secondo le medesime procedure, si è scatenata una polemica. Ricominciamo tutto daccapo rispettando le procedure».