Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1207
MODICA - 20/10/2011
Attualità - I dipendenti della SpM in arretrato di 4 mesi, i lavoratori delle cooperative a secco da 15

Gli indignati di palazzo S. Domenico: "Pagate gli stipendi"

Momenti di alta tensione tra sindaco e lavoratori che non ricevono le loro spettanze da diversi mesi
Foto CorrierediRagusa.it

Gli indignati di palazzo S. Domenico. Sono i circa duecento dipendenti delle cooperative sociali ed i cento lavoratori della Servizi per Modica, SpM, che ieri in separata sede hanno avuto incontri con il sindaco Antonello Buscema e l’assessore alle entrate Santino Amoroso (nella foto: in riunione con i lavoratori). Alla fine del lungo pomeriggio hanno presenziato ai lavori della seduta del consiglio nel corso della quale si è discusso dell´argomento cooperati.

Il problema di SpM e cooperative sociali non cambia tuttavia perché i lavoratori della SpM sono in arretrato di quattro stipendi ed il personale delle cooperative non viene pagato da quindici mesi, ovvero dal giugno dello scorso anno. Situazione intollerabile per i lavoratori delle cooperative che lo hanno gridato in faccia prima all’assessore Amoroso e poi al sindaco appena uscito da una riunione. Ci sono stati momenti di tensione a palazzo S. Domenico e sono arrivati un paio di vigili urbani per garantire la sicurezza e l’incolumità degli amministratori che si trovano alle prese con liquidità di cassa ed emergenze da affrontare subito.

I lavoratori della SpM hanno avuto garanzie che due stipendi saranno pagati a breve ma non sono rimasti soddisfatti dell’atteggiamento e della risposta dell’amministrazione riservandosi azioni di lotta. Non meno delusi i dipendenti delle cooperative che assicurano servizi delicati come l’assistenza agli anziani e l’assistenza domiciliare ai portatori di handicap. L’amministrazione comunale ha pensato di contrarre un mutuo di due milioni per estinguere il debito di dodici mesi ed ha messo a punto l’operazione con la banca tesoriera che, tuttavia, non ha ancora trovato, l’istituto finanziatore per la somma richiesta. I tempi per il pagamento delle cooperative si allungano dunque e la rabbia è palpabile in tutti anche perché le prospettive da qui alla fine dell’anno non sono per niente rosee.


ora macari i pulici cianu a tussi!
21/10/2011 | 20.11.40
terratrema

considerando che buona parte di questa gente che protesta per lo stipendio è stata assunta per vie clientelari, allora l´indignato sono io!
speriamo che non arrivino pure a "muorica" i black-block a rovinare la vostra di protesta!