Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1276
MODICA - 19/10/2011
Attualità - Gli studenti hanno incontrato il missionario al Liceo "Tommaso Campailla"

La crisi per Don Salvoldi è occasione di cambiamento

Altro messaggio lanciato nel corso dell’inteso dibattito con gli studenti del Campailla è stato quello di credere nelle possibilità di ognuno di noi perché creati da Dio unici e irripetibili. Foto Corrierediragusa.it

La crisi è un momento positivo perchè è occasione di cambiamento. Don Valentino Salvoldi (nella foto) ha chiuso con questo messaggio positivo il suo incontro con gli studenti del Liceo «Tommaso Campailla» esortando i giovani a rinnovare il proprio animo ma anche a battersi per cambiare. Adagiarsi sulla sconfitta, fare un passo indietro non serve ma bisogna invece guardare avanti ed operare per il cambiamento.

Don Salvoldi ha affascinato con la sua densa personalità e la sua storia vissuta gli studenti partendo dalle sue esperienze di missionario in Africa, Burkina Faso, Burundi e Nigeria le sue ultime tappe; Don Valentino, responsabile in Vaticano per la formazione del clero ed autore di un centinaio di testi, ha toccato tutti i temi più vicini alla sensibilità dei giovani.

Con la saggezza del pensiero antico, don Salvoldi, rifacendosi a Socrate e alla maieutica, ha esortato gli studenti a guardare dentro se stessi facendo « silenzio nelle loro anime». Ed è proprio nel silenzio, che non è vuoto, ma pienezza di Dio, che potranno «partorire» il senso della propria esistenza. «Ci hai fatto per te Signore, e il nostro spirito è inquieto finché non riposa in Te», questo è stato il «leit motiv» dell’incontro con preciso riferimento alla filosofia di Agostino. Altro messaggio lanciato nel corso dell’inteso dibattito con gli studenti del Campailla è stato quello di credere nelle possibilità di ognuno di noi perché creati da Dio unici e irripetibili.