Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 454
MODICA - 31/01/2008
Attualità - Modica - La relazione del sindaco Torchi

Sono sette le cave dismesse:
due senza vincoli paesaggistici

Il documento è stato consegnato al presidente dell’Ato Vindigni Foto Corrierediragusa.it

Nel territorio modicano ci sono sette cave dismesse. L’elenco delle cave è stato richiesto dal presidente dell’Ato Giovanni Vindigni (nella foto) e dal presidente della provincia Franco Antoci ed è allegato alla relazione che Piero Torchi ha consegnato ieri nel corso della riunione tenuta a Ragusa per discutere del problema discarica.

Il sindaco ha tenuto a precisare che non si tratta di siti eventualmente destinati per una discarica ma una elencazione oggettiva di quanto esiste oggi nel territorio anche perché sulla maggior parte delle aree sulle quali ricadono le cave dismesse insiste il vincolo paesaggistico.

E’ per esempio il caso della cava di S. Giuliano, adiacente al centro della città e della quale non è dato conoscere la cubatura. Il vincolo esiste anche per la cava di contrada Cella , che ha una cubatura di 200mila metri cubi; segue Giarrusso , a monte di Marina di Modica, dove la cubatura ammonta a 450mila metri cubi. Altra cava si trova a Gisanella lungo la Modica Pozzallo per la quale non è stata indicata nessuna cubatura.

Le uniche due cave senza vincoli sono quella di contrada Valentino nel territorio di Frigintini che ha una cubatura di mezzo milione di metri cubi. Ci sono poi tre cave che ricadono tutte in contrada Petraro; si tratta della cava Azasi, Camoter e Di Stefano che totalizzano una capienza di 930mila metri cubi. Contrada Petraro si trova a monte dell’ex passaggio a livello per Marina di Modica, adiacente alla zona industriale Modica Pozzallo.

Su contrada Petraro era stato imposto un vincolo paesaggistico a suo tempo che è stato poi superato dai fatti una volta avviata la escavazione della cava dell’Azasi. Le tre cave di contrada Petraro appartengono al demanio e sono di proprietà della regione che ne può disporre a suo piacimento. Il presidente dell’Ato ha preso atto della relazione del sindaco e l’ha trasmessa ai tecnici per una valutazione. Torchi ha confermato che Modica è disponibile ad accogliere una discarica nel suo territorio ma che l’indicazione dell’Ato deve essere prima discussa e vagliata dal consiglio comunale cui , in ogni caso dovrà toccare l’ultima parola.