Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 705
MODICA - 05/10/2011
Attualità - L’ufficio del Turismo ha svolto un’indagine a campione sulle strutture ricettive della città

Cresce a Modica il numero dei turisti nel 2011

Cultura, ambiente, manifestazioni e gastronomia i fattori qualificanti dell’offerta
Foto CorrierediRagusa.it

Enzo Scarso dà i numeri e sono positivi. Sono quelli relativi ai flussi turistici in un ampio periodo che va dal 2008 al settembre di quest’anno così come sono stati elaborati dall’Ufficio turistico comunale. Il personale dell’ufficio ha lavorato su due livelli; il primo registrando i dati dei contatti registrati nella sede di corso Umberto ed il secondo su un campione di undici strutture ricettive di fascia diversa che operano nel territorio.

Non un campione esaustivo dunque ma molto indicativo e soprattutto utile per capire in quale direzione si muove il turismo in città dopo le polemiche scoppiate alcuni mesi orsono. L’analisi dei flussi turistici parte dunque dall’anno 2008, forse la miglior stagione nell’ultimo decennio, che l’assessore Enzo Scarso tiene come bench mark, punto di riferimento per gli anni a seguire.

Dice l’assessore: «Nelle presenze si nota un calo tra il 2009 ed il 2010 a causa di eventi contingenti; basti per tutti il caso del piccolo Giuseppe Brafa e della tragedia di Sampieri che vide coinvolta anche una turista tedesca, attaccata dai cani. Avvenimenti che fecero il giro del mondo e che condizionarono non poco le scelte dei visitatori. C’è stata anche una crisi economica mondiale di cui ancora si sentono i riflessi. Quest’anno tuttavia i dati a nostra disposizione parlano di un sensibile e costante aumento delle presenze con una distribuzione più diffusa nei mesi di maggiore concentrazione da luglio a settembre».

L’ufficio turistico ha anche segnalato una tendenza alla destagionalizzazione grazie anche a flussi provenienti dall’Europa dell’Est, Russia in testa. I dati delle undici strutture campione confermano il trend positivo; nelle strutture a quattro stelle si registra un aumento medio del 20 per cento dell’occupazione dei letti; una struttura a quattro stelle nel centro storico nei tre mesi di luglio, agosto e settembre ha registrato addirittura un 47 per cento in più; negli agriturismo di qualità il dato positivo è del 20 per cento. Per il sindaco Antonello Buscema bisogna dire grazie alla classe imprenditoriale della città che ha creduto in questo comparto ed ha investito.

«Mettiamoci pure – dice Antonello Buscema – eventi culturali di qualità come Modica Miete Cultura e gli spettacoli del circuito del Mito che hanno attratto curiosità e presenze facendo rimbalzare il nome della città a livello nazionale ed oltre. Come amministrazione non abbiamo puntato su sagre o feste di quartiere ma alla qualità dell’evento; credo che la nostra scelta sia ripagata».

(nella foto: turisti olandesi a S. Giorgio)