Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 947
MODICA - 26/09/2011
Attualità - Firmato a Catania l’accordo tra il Comune e l’Ateneo

Contenzioso Università, Modica pagherà 4 milioni

La prima tranche di 750 mila euro è già stata pagata, ne restano altre sei fino a giugno 2014

Quattro milioni e si chiude la vicenda Università. Comune ed ateneo hanno infatti trovato l’accordo sulla transazione sul debito che l’Università di Catania vanta nei confronti di palazzo S. Domenico. Sono stati nove i milioni di debiti accumulati nel corso degli anni e non onorati. Un lungo contenzioso, attraverso diffide ingiunzioni di pagamento e solleciti, si è concluso con l’apposizione della firma da parte del sindaco Antonello Buscema e del pro rettore Maria Luisa Carnazza sul protocollo che stabilisce che il comune di Modica dovrà versare quattro milioni. L’Università di Catania ha infatti accolto la richiesta del sindaco mitigando le sue pretese in cambio della certezza del pagamento della somma convenuta. All’atto della firma il sindaco ha versato all’Università 750mila euro mentre le altre sei rate sono state calendarizzate fino al giungo del 2014.

Un accordo che fa risparmiare alle casse del comune quasi cinque milioni di euro e che consente all’Università di aprire un lungo contenzioso. Dice il sindaco Antonello Buscema: «Abbiamo posto fine ad una questione legale in modo più che accettabile avendo ridotto, grazie alla transazione e alla fiducia che riscuotiamo presso l’Ateneo, di quasi cinque milioni di euro il debito di cui abbiamo già onorato, alla stipula della firma, una prima trance». La somma che il comune pagherà è servita a pagare i costi a carico dell’ente per l’istituzione prima del corso di Laurea in Scienze del Governo e dell’Amministrazione e successivamente in Economia.

Il comune non solo ha pagato per gli oneri dei docenti ma anche per il funzionamento delle sedi assumendo anche il carico del personale e delle spese di gestione. Un esborso che si è rivelato alla fine troppo pesante e che hanno aggravato le già non floride casse comunali.

I due corsi hanno formato un migliaio di studenti che hanno conseguito la laurea, tra magistrale e triennale, nei dieci anni di funzionamento ed hanno avuto un impatto positivo con il territorio consentendo a molti studenti, di cui una buona parte lavoratori, di conseguire un titolo di studio superiore che è stato speso nel mondo del lavoro .