Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1340
MODICA - 23/09/2011
Attualità - Dopo tre settimane rivenditori ancora senza park -card ed ausiliari a spasso

Gente, venite gente! Parcheggio libero a Modica

Mancato introito per le casse comunali perchè non si stampano le schede

E’ festa continua per automobilisti ed ausiliari del traffico. Si parcheggia gratis in centro ed il personale va a spasso per mancanza di lavoro. Da tre settimane infatti mancano le park card, le schede per il parcheggio nelle strisce blu. Il servizio è stato affidato dall’amministrazione alla ex Multiservizi, oggi SpM, che ha alle sue dipendenze tredici ausiliari del traffico.

Il loro compito è quello di controllare la regolarità degli orari del parcheggio sui cruscotti della macchine ed eventualmente di elevare le contravvenzioni. Stampare le schede tuttavia sembra un’operazione molto più delicata che stampare libri di pregio perché dall’inizio del mese le schede si sono esaurite presso tutti i rivenditori in tutte le loro versioni; da 30, 60 minuti e da quattro ore.

Sono gli stessi rivenditori e gli ausiliari del traffico ad informare gli automobilisti che il parcheggio nelle zone blu è libero e non occorre scheda di sorta almeno fino a quando non saranno assicurate le forniture. I liquidatori della ex Multiservizi si sono affrettati a far sapere due settimane fa che si stava provvedendo e che il servizio sarebbe stato ripristinato al più presto. Non è successo e sarebbe interessante sapere quanto la società, e quindi l’ente, ha perso in termini di introiti per una operazione semplice come la stampa delle schede.

Un calcolo approssimativo parla di tre mila euro al giorno di mancato introito oltre al pagamento del personale per un servizio che non svolgono se non per dare informazioni turistiche o di mera cortesia per visitatori e residenti. Il sindaco chiederà i danni a qualcuno, vorrà accertare di chi è la responsabilità o forse non sarà il caso di chiudere il servizio almeno fino a quando non ci saranno le schede e mandare il personale in ferie forzate visto che al momento non serve.