Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 560
MODICA - 14/09/2011
Attualità - Dopo l’ultima seduta del Consiglio comunale l’opposizione chiede chiarezza

Per il Pdl il piano di vendita degli immobili è solo sogno

Ai precedenti inviti di gara non si è presentato nessuno

Piano dei sogni ed artificio contabile o chiara intenzione di dismissioni? Sulla vendita degli immobili comunali si apre il fronte del dissenso ed il Pdl è molto critico con l’amministrazione anche alla luce dell’esito dell’ultima seduta del consiglio comunale che non ha trovato modo di approvare il piano e per approfondire alcune questioni ha preferito rinviare l’argomento.

Nel piano delle dismissioni ci sono cespiti di proprietà comunale per circa venti milioni di euro ma la gara per la vendita è stata disertata dagli acquirenti. Per il Pdl il motivo è chiaro: «E’una evidente forzatura, come dimostra la circostanza che nessun acquirente si è mai presentato alle precedenti vendite all’asta. Rappresenta piuttosto un fantasioso ma poco credibile escamotage contabile, per poter inserire nel bilancio di previsione somme in entrata, come proventi delle ipotizzate vendite, che non sono certe e che appaiono praticamente irrealizzabili.

Chiederemo conto e ragione e non consentiremo che si proceda oltre perché Modica ha bisogno di concretezza e non di fantasie, tantomeno contabili.
Ma ciò che appare veramente inaccettabile è il fatto che siano stati posti in vendita spazi destinati a verde pubblico e strutture sportive. Da un lato, l’amministrazione Buscema destina il Vincenzo Barone alla ‘gestione’ provinciale e dall’altro lo mette fra i bene ‘vendibili’!
Addirittura la giunta comunale ha proposto il cambio di destinazione in edificabile della villa di Via Silla, ricevendo il parere contrario della commissione competente e di alcuni esponenti della maggioranza stessa». Per il Pdl si tratta solo di una rappresentazione fittizia delle entrate e nient’altro.

Intanto il consiglio si è aggiornato a giovedì proprio per trattare dell’elenco dei beni da mettere in vendita, già di per sé redatto, ma che sarà impinguato, almeno nelle intenzioni della amministrazione.