Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 471
MODICA - 13/09/2011
Attualità - Il vice presidente della provincia chiede conto e ragione alla giunta Buscema

Modica spende 5mila euro per la "Casa delle farfalle". Failla contro Scarso

L’evento fa parte di Chocobarocco, ma intanto i lavoratori da mesi attendono gli stipendi Foto Corrierediragusa.it

C’è Chocobarroco ed arrivano le farfalle. Per Enzo Scarso, assessore al turismo che si è intestato l’edizione 2011 della manifestazione, si tratta di una «suggestiva ed ambiziosa iniziativa».

Non la pensa così Sebastiano Failla (Fds), che parla di «indignazione per una delibera da 5 mila euro». Sono i soldi che serviranno a costruire, l’allestimento è già in corso nell’atrio di palazzo S. Domenico, la casa delle farfalle, ovvero una delle attrazioni salienti di Chocobarocco che si terrà dal 28 Ottobre al 1 novembre. Come si legge in delibera la casa è «un ambiente dove le farfalle nascono, vivono e volano liberamente attraverso la fornitura di una struttura serricola». Ed insiste il vicepresidente del Consiglio provinciale: «Quale credibilità può mostrare alla società un ente che grida quotidianamente al dissesto economico salvo poi regalare ad una Cooperativa 5 mila euro per la Casa delle Farfalle? Noi, e con noi tanti cittadini, non vogliamo reprimere i sentimenti di indignazione e stupore di fronte ad un modo di amministrare la cosa pubblica in maniera così strisciante e in sordina, e soprattutto, adducendo sempre una finta e parrocchiana moralità».

Enzo Scarso non se la prende più di tanto ma ci tiene a mettere le cose in chiaro: «Innanzitutto dico che Sebastiano Failla è solo disinformato». Difficile infatti, di primo acchito, riuscire a capire come possano coniugarsi farfalle e cioccolato, pur facendo ricorso alla migliore fantasia. Non così per Enzo Scarso che, come le sue farfalle, ha cercato di volare, e soprattutto pensare, alto. Dice l’assessore: «Alla «Casa delle Farfalle» si aggiungono tanti altri progetti che per i cinque giorni della manifestazione hanno il delicato ed importante compito di richiamare, assieme alla prelibatezza del cioccolato modicano, turisti e vacanzieri ed allo stesso tempo rendere unica ed irripetibile la visita in città. L’inserimento della manifestazione negli eventi di grande richiamo turistico regionale richiede uno sforzo in termini di nuove iniziative ed eventi, notevolissimo.

Nell’ottica anche di un investimento che sia quanto più’ remunerativo possibile sia in termini di fruizione turistica che soprattutto economica, preciso che la visita alla Casa delle Farfalle sarà soggetta ad un ticket e servirà a sostenere la maggior parte dei costi, molti dei quali saranno coperti anche da imprese private che hanno sponsorizzato l’evento e che nella potenzialità turistica della «casa delle Farfalle» hanno creduto. La struttura inoltre, al termine della manifestazione, avrà un concreto utilizzo. Ricordo inoltre che, ad eccezione della struttura di Viagrande in provincia di Catania, che ha conformazione e finalità diversi e che tra l’altro a breve chiuderà per la pausa invernale, e di quella dell’Università di Catania che però è strutturalmente tutt’altra cosa, la Casa delle Farfalle di Modica non ha rivali. La più vicina si trova infatti in Toscana«.

Per il vicesindaco La Casa delle Farfalle è insomma una scommessa e quella di Failla solo demagogia. «Non sono né invasato né fuori di senno» rassicura Enzo Scarso e Failla lo attende al varco proprio per Chocobarocco.

IL COMUNICATO DI SEBASTIANO FAILLA
Nei tempi della grande crisi dove la parola d’ordine è tagli, tagli e ancora tagli, dal Comune di Modica ecco l’ennesima «perla amministrativa».
«Un balletto di cifre taroccate, che nascondono l’invarianza dei saldi, stavolta con una dedica ai lavoratori che da mesi attendono gli stipendi».
«Tutti coloro che vogliono leggere una fotografia vivida, impietosa e persino feroce di questa ennesima operazione gattopardistica dell’Amministrazione Buscema , non devono fare altro che leggere la determina n.2329 del 5 settembre 2011».

«Poco meno di cinque mila euro di soldi pubblici che l’Amministrazione Buscema destina per la realizzazione della Casa delle Farfalle, «…un ambiente-si legge testualmente nella determina, -dove le farfalle nascono, vivono e volano liberamente attraverso la fornitura di una struttura serricola …», sembrano davvero uno spreco semplicemente offensivo».
«Verrebbe da definirla, la determina,- continua Failla- un capolavoro per gli indignados dell’antipolitica. La rabbia della società civile sarà difficile da placare. I lavoratori in attesa anche solo di uno stipendio saranno i primi a mostrare i riverberi della protesta. Ma tant’è».

«L’atto deliberativo-capolavoro va anche oltre. Accosta in particolare, il cioccolato della Città alla farfalle, come evento collaterale per la promozione turistica della Città. Non ci aspettavamo che si arrivasse a tanto».
«Quale credibilità può mostrare alla società un Ente che grida quotidianamente al dissesto economico salvo poi regalare ad una Cooperativa 5 mila euro per la Case delle Farfalle?»

«Noi, e con noi tanti cittadini, non vogliamo reprimere i sentimenti di indignazione e stupore di fronte ad un modo di amministrare la cosa pubblica in maniera così strisciante e in sordina, e soprattutto, adducendo sempre una finta e parrocchiana moralità».
«Come cittadini, ci indigniamo di fronte alla inadeguatezza di tali amministratori , che anziché fare del proprio meglio, si adagiano sulla loro inettitudine amministrativa , sperando sempre di etichettare la colpa della mala gestione ad altri…»

LA REPLICA DEL VICE SINDACO ENZO SCARSO
Il vice sindaco Enzo Scarso difende la bontà della scelta, «dal momento che – dice Scarso al telefono – l’iniziativa originale s’incastona nella catena di eventi di Chocobarocco, che si tiene a Modica dal 28 ottobre al primo novembre".

«La Casa delle Farfalle» cui si riferisce il consigliere Failla, è una delle tante ambiziose e suggestive iniziative di punta della edizione 2011 di Chocobarocco già finanziata per il 35% dalla Regione Siciliana ed è inserita tra gli eventi di grande richiamo turistico della Regione Siciliana giusto programma operativo regionale FESR2007/2013 Asse 3- Obiettivo specifico 3.3-obiettivo operativo 3.3.1- linea di intervento 3.3.1.1.

Alla «Casa delle Farfalle» si aggiungono infatti tanti altri progetti che per i cinque giorni della manifestazione hanno il delicato ed importante compito di richiamare, assieme alla prelibatezza del cioccolato medicano, turisti e vacanzieri ed allo stesso tempo rendere unica ed irripetibile la visita in città agli stessi.

E’ con questo intento - dice Scarso - che ci si sta muovendo consapevoli come siamo che l’inserimento della manifestazione negli eventi di grande richiamo turistico richiede uno sforzo in termini di nuove iniziative ed eventi, notevolissimo. Nell’ottica anche di un investimento che sia quanto più’ remunerativo possibile sia in termini di fruizione turistica che soprattutto economica.,corre anche l’obbligo sottolineare che la visita alla Casa delle Farfalle sarà soggetta ad un ticket e servirà a sostenere la maggior parte dei costi, molti dei quali saranno coperti anche da imprese private che hanno sponsorizzato l’evento e che nella potenzialità turistica della «casa delle Farfalle» hanno creduto.

La struttura inoltre, al termine della manifestazione, avrà un concreto utilizzo che a tempo il consigliere Failla conoscerà. A questo punto, si coglie anche l’occasione per evidenziare che, ad eccezione della struttura di Viagrande in provincia di Catania, ha conformazione e finalità diversi e che tra l’altro a breve chiuderà per la pausa invernale, e di quella dell’Università di Catania che però è strutturalmente tutt’altra cosa, la Casa delle Farfalle di Modica non ha rivali. La più vicina si trova infatti in Toscana.

Si tratta di un evento unico nel suo genere che ha avuto già l’anno scorso un illustre precedente al Macro di Roma, il Museo di arte contemporanea, che ha richiamato migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia. Chocobarocco è una delle manifestazioni più’ importanti dell’intero sudest. E’ cresciuta lentamente negli anni sino a trasformarsi nel grande evento di richiamo turistico che è divenuta oggi, soprattutto dopo il grande successo di pubblico - conclude il vice sindaco - dello scorso anno.


13/09/2011 | 21.52.29
fabio

l´ennesima uscita di Failla è la dimostrazione del TEOREMA DI ANDREOTTI: il potere logora chi non ce l´ha!


ancora Failla!
13/09/2011 | 18.31.10
enzo

Non ci posso credere il nostro consigliere Failla da ancora segnali di vita?
Ma come si può indignare una persona che assieme alla sua (ripeto sua) giunta Torchi ha sperperato quasi 50 milioni di euro?
Che vada a visitarla la casa delle farfalle il sig. Failla, invece di criticarla.
La casa delle farfalle è uno pochi segni di innovazione inserite al cioccobarocco ed è un´iziativa lodevole.

Enzo


13/09/2011 | 17.49.28
Nele

Il solito facile attacco di Failla, un politico il cui stipendio andrebbe "risparmiato" per il bene della collettività. C´è chi da anni "va a farfalle" anziché al lavoro, e poi si indigna quando qualcuno propone la casa delle farfalle!!! :)


gattopardistica?
13/09/2011 | 16.21.04
Michele

Per favore, un letterato può chiarirmi se è corretto scrivere gattopardistica? o sarebbe più corretto scrivere gattopardesca?. Grazie.