Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 870
MODICA - 08/09/2011
Attualità - Entro la prossima settimana saranno aggiudicati gli appalti

Piano di zona per i servizi sociali, ci sono 3 milioni

Si tratta di assistenza agli anziani, ai disabili ed ai minori nei quattro comuni del comprensorio modicano

Tre milioni di euro per i servizi sociali dei quattro comuni del comprensorio modicano. La somma è stata messa a disposizione grazie ai fondi della legge regionale 328 nell’ambito del piano di zona ed andrà ad integrare in modo significativo quelli a carico delle amministrazioni locali. Modica, comune capofila, Ispica, Scicli e Pozzallo, usufruiranno delle somme in modo percentuale sulla base del numero della popolazione e delle esigenze emergenti del territorio.

Paolo Garofalo, assessore ai Servizi sociali a palazzo S. Domenico spiega la nuova filosofia del bando: «Piuttosto che assegnare fondi ai singoli comparti come è avvenuto nel passato, attenderemo prima la formalizzazione delle domande e poi assegneremo le risorse». L’appalto dei singoli bandi sarà conferito da metà della prossima settimana alle varie cooperative che hanno partecipato alle gare. Sono previsti servizi per i disabili come l’assistenza igienico personale a casa; assistenza per gli anziani come pulizia personale, assistenza integrata ed inclusione sociale.

Per i minori si prevedono invece progetti di inclusione nei vari quartieri più problematici come Treppiedi e Modica Alta. I vari comuni hanno previsto, ognuno per la loro specifica realtà, di realizzare progetti rispondenti alle esigenze del proprio territorio.

Per le amministrazioni le risorse della 328 servono anche ad integrare progetti già in corso finanziati con fondi a carico dei bilanci comunali. Le somme messe a disposizione dalla 328 risolvono problemi molto sentiti sul territorio soprattutto da parte di quelle famiglie che non riescono a provvedere autonomamente alle esigenze delle categorie più deboli, come gli anziani ed i disabili, o più a rischio come i minori.