Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 246
MODICA - 06/09/2011
Attualità - A distanza di 8 anni dalla chiusura

Riaperta la chiesa di S. Giovanni a Modica Alta

I lavori di restauro erano già terminati da circa tre anni nella parte esterna
Foto CorrierediRagusa.it

Dopo otto anni ha riaperto al culto la chiesa di S. Giovanni (foto). E’ stata festa per tutta la comunità parrocchiale ma anche per Modica Alta, di cui la chiesa rappresenta il fulcro. Il vescovo di Noto, Mons. Antonio Staglianò, è intervenuto alla inaugurazione della chiesa benedicendo anche l’artistica vetrata raffigurante un momento della vita del Battista. Alla cerimonia erano anche presenti il sindaco Antonello Buscema, il responsabile della Protezione civile di Ragusa, Chiarina Corallo, che ha coordinato i lavori, le autorità militari della città, oltre a tutto il clero di Modica Alta.

Tantissimi i parrocchiani a testimonianza dell’importanza della riapertura al culto del monumento barocco. La chiesa è stata consolidata grazie a due finanziamenti messi a disposizione dalla Protezione Civile nell’ambito della legge 483. Oltre alla chiesa è stata ristrutturata la canonica e la scalinata. La facciata è stata invece restaurata grazie ai fondi dell’otto per mille. Sulla chiesa di S. Giovanni si è mobilitata l’opinione pubblica ed anche gli studenti del Liceo Scientifico «Galilei» si sono mobilitati con iniziative volte ad accelerare il recupero dei fondi.

Don Giuseppe Amore, parroco di S. Giovanni, ha dato a tutti il benvenuto ed ha parlato di una tappa fondamentale nella storia di tutta Modica Alta. S. Giovani è infatti punto di riferimento per le famiglie e per i giovani ma è anche molto visitata da tanti turisti. Don Amore ha parlato anche delle difficoltà di questi anni visto che a Modica Alta sono state man mano chiuse anche le chiese di S. Antonio, S. Teresa, S. Teodoro, lasciando la comunità senza punti di riferimento.