Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 757
MODICA - 26/08/2011
Attualità - Risolta la vertenza tra sindacati e amministrazione

Operai multisosta, da Multiservizi alla «Servizi per Modica»

La giunta si è impegnata ufficialmente

Si chiude in maniera positiva la lunga telenovela dei lavoratori della multisosta, che, dopo un lungo tira e molla tra amministrazione e sindacati, si sono visti assicurare la certezza lavorativa. I dipendenti confluiranno difatti nella nuova società «Servizi per Modica», dopo lo scioglimento della «Multiservizi».

In precedenza era stato proposto dalla maggioranza del Consiglio comunale di procedere al project financing, affidando la gestione del servizio ad una ditta privata dal momento che, stando alle informazioni raccolte dalla giunta, non era possibile la gestione dei servizi a pagamento da parte della nuova società in house. Adesso invece la giunta ha ufficialmente assunto impegno ad utilizzare la deroga contenuta nell’art. 4, comma 13, del recente decreto legge n. 138/2011, che consente ai comuni di affidare i servizi a rilevanza economica di valore pari o inferiore a 900 mila euro, come nel caso del servizio della sosta a pagamento, a società a capitale interamente pubblico.

Una mozione in questo senso era stata presentata dal Pd e da Sel, il cui consigliere comunale Vito D’Antona esprime soddisfazione per la positiva risoluzione della vicenda. «In questo modo, grazie soprattutto alla tenacia dei lavoratori e della Cgil – scrive D’Antona – si chiude una questione che da mesi è stata fonte di preoccupazione per il futuro dei lavoratori e invitiamo pertanto, l’amministrazione comunale a bruciare i tempi per sottoporre al consiglio comunale tutti gli atti che si riterrà necessario per il trasferimento del servizio e dei dipendenti alla nuova società».