Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1167
MODICA - 24/08/2011
Attualità - La Finanziaria del governo Berlusconi prevede la riduzione degli Uffici Giudiziari in Italia

Tribunale: Buscema chiama in causa Nino Minardo

Vito D’Antona propone intanto una mozione da approvare in consiglio comunale

La Finanziaria del Governo Berlusconi mette a rischio i tribunali minori. Il progetto del guardiasigilli, il favarese Nitto Palma, è pronto e punta a ridimensionare il numero dei tribunali in Italia accorpando le cosidette sedi minori. In Sicilia le sedi a rischio sono tante; da Nicosia a Marsala, da Barcellona a Modica. Per la sede modicana si prospetta l’accorpamento a Ragusa, come peraltro già da anni temuto.

Proprio per prevenire questo pericolo Vito D’Antona, Sel, ha proposto una mozione da approvare in consiglio comunale perché venga scongiura tata la soppressione degli uffici giudiziari anche alla luce dell’investimento fatto dallo Stato nella nuova struttura del S. Cuore.

Il pericolo, visto i tempi che corrono, con province e strutture sanitarie che vengono chiuse qui e lì, è più che mai reale e, per quanto possa servire, sarà bene subito far sentire la voce del territorio.

Antonello Buscema è intervenuto sull´argomento ed ha subito chiamato in causa Nino Minardo passandogli la patata bollente. Il sindaco di Modica sostiene che: "I tribunali minori rappresentano presidi storici, in grado di rispondere alla domanda di giustizia del territorio e di radicarvi una vera e propria cultura della legalità, in grado di lavorare con molta più attenzione e rapidità di quanto non potrà mai avvenire in strutture elefantiache come quelle dei grossi capoluoghi di Provincia. Ragioni in difesa delle quali siamo ancora una volta pronti a fare le barricate.

Chiedo sin d’ora ai deputati nazionali e ovviamente in primo luogo all’on. Nino Minardo, di intervenire subito presso il Ministro del suo partito, rappresentandogli il punto di vista di cui lui stesso si è già in passato fatto sostenitore e la particolare realtà del nostro Tribunale, con l’esigenza indiscutibile che esso non venga messo a rischio soppressione, preoccupandosi piuttosto di sostenere l’ipotesi che è stata già nel passato oggetto di disegni di legge parlamentari in favore dell’ampliamento del circondario di competenza del Tribunale di Modica".