Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1021
MODICA - 23/08/2011
Attualità - L’amministrazione rassicura sulla balneabilità del mare tra Maganuco e Punta Regilione

Topi, api e chiazze scure a mare. A Marina Modica non manca nulla

Predisposto anche un programma di derattizzazione nel centro della frazione
Foto CorrierediRagusa.it

Topi, api e chiazze scure a mare. Non è il migliore dei modi per trascorrere l’estate ma a Marina di Modica (nella foto) succede e domenica mattina si ci è messo pure un privato, il cui sistema fognario è andato in tilt sversando su corso Mediterraneo proprio a mezzogiorno liquami maleodoranti tra il fuggi fuggi generale. La novità dell’anno sono le api che sciamano per la frazione da qualche giorno. Il fenomeno si è intensificato dopo Ferragosto e potrebbe essere legato ad un fatto accidentale ma provoca disagi per i bagnanti. Per alcuni tuttavia la presenza delle api è da accogliere con una certa soddisfazione perché testimonia della salubrità dell’aria. Tesi poco convincente e tutta da dimostrare.

Anche la presenza di topi nella zona più vicina alla spiaggia ha messo in allarme i residenti. Un paio sono stati trovati stecchiti ma la presenza dei ratti viene legata ad un sistema fognario fatiscente che è alla base degli sversamenti a mare. Giovanni Spadaro, assessore all’ambiente, si è premurato ieri di rassicurare i villeggianti sulla salubrità delle acque. L’ordinanza del sindaco con la quale è stato fatto divieto di balneazione tra la scogliera di Maganuco e Punta Regilione è scaturita dalle segnalazioni dei residenti che hanno notato chiazze scure a mare che hanno poi sollecitato l’Arpa ad intervenire.

I campioni, prelevati il 7 di questo mese, hanno evidenziato livelli più alti della norma, anche se non è stato possibile individuare le cause dell’inquinamento. Fognature non allacciate, sversamenti non consentiti da abitazioni che affacciano sulla scogliera sono probabilmente alla base di un fenomeno che ritorna puntualmente da qualche anno a questo parte e che non si riesce a mettere sotto controllo.

I risultati dei prelievi effettuati hanno confermato la presenza di inquinamento nell´area, ma indagini successive effettuate dall´organismo di tutela regionale, hanno mostrato una situazione tornata alla normalità. E l´assessore Giovanni Spadaro che nelle frazione balneare modicana, annuncia la fine dell’emergenza ed il ritorno alla normalità. L’amministrazione ha anche disposto interventi immediati di derattizzazione per riportare serenità tra i villeggianti.


24/08/2011 | 9.50.13
marcello

ahhhh, avete dimenticato le zanzare, le mosche e anche i serpenti.... proprio uno schifo.....