Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 816
MODICA - 16/08/2011
Attualità - Il terzo, quello di S. Pancrazio, funzionerà nei prossimi giorni

Clorazione dell´acqua assicurata in due impianti

Per oltre un anno il servizio non è stato garantito per via dei lavori di adeguamento al S. Cuore e Costa del diavolo

Due impianti di clorazione ritornano a funzionare. Si tratta di quelli nei quali confluiscono le sorgenti S. Cuore e Costa del diavolo che riforniscono rispettivamente la parte nuova della città e Modica alta. Gli impianti hanno comunicato a funzionare da ieri e nei prossimi giorni sarà attivato anche quello che attinge alla sorgente S. Pancrazio. Dopo oltre un anno l’acqua ritorna dunque ad essere clorata prima di essere immessa nella conduttura idrica comunale a tutto vantaggio della sicurezza e della salute. I locali degli impianti di clorazione sono stato messi in sicurezza secondo norma per quanto riguarda gli impianti elettrici, le specificità igienico-sanitarie. Il servizio di clorazione è stato affidato al personale di ruolo del’ente e ad alcuni addetti della Servizi per Modica, SpM.

Erano stati proprio gli addetti a sollevare il caso degli impianti oltre un anno fa denunciando lo stato malsano ed insicuro dei locali. La denuncia portò alla chiusura ed alla mancata clorazione dell’acqua con dirette conseguenze su tutto il sistema di approviggionamento. Resta ora da completare il piano di adeguamento per tutti gli altri impianti ma l’amministrazione ha destinato nel bilancio dell’ente le somme necessarie per chiudere definitivamente la questione.

Dice il sindaco Antonello Buscema: «Si è risolta una questione vitale e importante; era rimasta irrisolta per anni ed è emersa negli ultimi diciotto mesi e rispetto alla quale abbiamo dovuto individuare le somme, redigere il progetto, fare l’appalto e realizzare le opere che hanno richiesto un lavoro a volte non facile atteso che si è cercato di non trascurare il minimo dettaglio così come impone la norma di riferimento. Questo ha comportato tempi non brevi di realizzazione degli impianti di clorazione che da lunedì funzioneranno, almeno per due, a pieno regime dando sicurezza e serenità alla popolazione.»