Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1069
MODICA - 23/01/2008
Attualità - Modica - La paventata soppressione rinfocola il dibattito

I sindacati ribadiscono:
"Il tribunale non si tocca"

L’allargamento della giurisdizione è sempre più caldeggiata Foto Corrierediragusa.it

Un documento approvato da Cgil, Cisl, Uil e Ugl contro la paventata soppressione del tribunale di Modica è stato inviato ieri al ministero di grazia e giustizia e a quello all’economia. E’ stato l’epilogo dell’assemblea sindacale svoltasi nei locali del palazzo di giustizia di via Aldo Moro. Giovanni Cassibba (Cgil), Saverio Giunta (Cisl), Donato Zisa (Uil) e Filippo Pasqualetto (Ugl) hanno stigmatizzato le voci, fondate o meno, sull’accorpamento del tribunale modicano con quello del comune capoluogo solo per far quadrare i conti.

«Sarebbero eccessivi ? hanno detto in assemblea ? i disagi che ne scaturirebbero per l’intera collettività». Insomma, i 15 chilometri che separano i due centri sono considerati dai sindacati eccessivi da percorrere ogni giorno. Eppure centinaia di impiegati di altri settori se li sorbiscono almeno tre volte al giorno senza problemi.

Aldilà di questo aspetto irrisorio della controversa vicenda, non è stato affatto digerito lo «snobismo» che ha escluso dalle varie prese di posizioni sull’argomento proprio il punto di vista «di quanti ? è stato detto ? con il loro lavoro quotidiano contribuiscono in maniera fattiva al buon funzionamento di una struttura in salute e assolutamente produttiva». Un’assemblea sindacale dalla quale non è scaturito nulla di più rispetto a quanto era già risaputo. E’ stata invece l’occasione propizia per ribadire il pensiero di una categoria che si è sentita tagliata fuori da un dibattito nel quale hanno detto la loro le istituzioni, i giudici, gli avvocati e i parlamentari.

I problemi logistici, il carico di lavoro eccessivo per il tribunale ragusano in caso di accorpamento e la conseguente dismissione di altri uffici, secondo i sindacati persuadono dal sopprimere il tribunale che, a loro avviso, dovrebbe invece estendere la giurisdizione anche in territorio aretuseo (altro concetto ribadito fino alla nausea) inglobando i piccoli centri di Rosolini, Portopalo, Noto e Pachino. Ma siamo sicuri che ai residenti di questi paesi converrebbe di più recarsi a Modica rispetto a Siracusa? Il discorso distanza dovrebbe valere per tutti.

(Nella foto da sx Giovanni Cassibba e Filippo Pasqualetto)