Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 850
MODICA - 11/08/2011
Attualità - Polemico il consigliere provinciale Marco Nanì per la vendita di birra autorizzata in uno stand

S. Lorenzo all´insegna della serenità a Marina di Modica

E’ stata la grande prova prima del fine settimana di Ferragosto

La notte di S. Lorenzo ha portato centinaia di giovani sulla spiaggia di Marina di Modica. Il tradizionale bagno di mezzanotte è stato preceduto da un concerto tenuto all’auditorium Mediterraneo che ha poi lasciato spazio ai canti ed alle degustazioni sulla spiaggia. Gli arenili di Marina di Modica e di Maganuco non hanno sofferto più di tanto per presenze numerose che negli scorsi anni hanno lasciato i resti delle loro notti sulla spiaggia. Quest’anno gli effetti della notte in spiaggia sono stati limitati ed i pochi fuochi accessi sono stati poi rimossi senza problemi dal personale di servizio di igiene urbana.

Si è trattato della prova per questo fine settimana quando le due frazioni a mare saranno prese d’assalto mettendo a dura prova i servizi ed in particolare quello di igiene ambientale. La spiaggia è stata così restituita nella mattinata nella sua integrità. Sull’organizzazione delle manifestazioni per la notte di S. Lorenzo ha fatto sentire la sua voce il consigliere provinciale Marco Nanì (Pdl) che da un lato ha lodato il comportamento dei giovani ma dall’altro ha criticato le iniziative intraprese dall’amministrazione. Per il consigliere Pdl infatti il concerto all’auditorium Mediterraneo si è rivelato scurrile e volgare tanto che in molti si sono allontanati.

Marco Nanì è anche critico per la possibilità che è stata data ad un rivenditore privato di vendere birra proprio nei pressi dell’auditorium facendo in un sol colpo venir meno le campagne anti alcol intraprese dalle istituzioni. Il comportamento dell’amministrazione per Marco Nanì è dunque «censurabile».