Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 951
MODICA - 09/08/2011
Attualità - Conclusa l’ispezione disposta dalll’assessorato regionale alle Attività Produttive

Anomalie nella gestione, la Cooperativa Quetzal va chiusa

E’ la conclusione cui sono arrivati i due ispettatori che hanno esaminato gli atti della cooperativa dal 2005 al 2010
Foto CorrierediRagusa.it

La cooperativa Quetzal deve essere sciolta per atto di autorità con la nomina di un liquidatore. E’ quanto hanno scritto nella loro relazione i due ispettori nominati dall’assessorato regionale alle Attività Produttive che hanno chiuso la loro visita nella sede della cooperativa di corso Umberto a fine giugno. Filippo Bartolomeo e Luigi Tuzzolino hanno passato al setaccio sei anni di attività della cooperativa che aderisce al circuito Equo e solidale, Fair Trade, esaminando i vari bilanci, verificando la rispondenza delle ragioni sociali della Quetzal a quanto effettivamente realizzato nel corso della sua attività.

Il responso dei due ispettori è inequivocabile a conclusione delle 41 pagine di relazione che è stata consegnata al legale rappresentante della cooperativa Piero Iemmolo. Il caso della Quetzal si è posto all’attenzione della opinione pubblica nel momento in cui due socie sono state licenziate in tronco nella scorsa primavera; la loro denuncia ha portato alla luce anomalie ed incongruenze nella gestione della Cooperativa oltre ad uno stato di conflittualità strisciante all’interno. Il rapporto dei due ispettori regionali, già in corso al momento del licenziamento delle due operatrici, non ha fatto altro che ufficializzare le anomalie riscontrate nella gestione tanto da indurre gli ispettori ad arrivare ad una decisione drastica.

La cooperativa al momento è formata da 62 soci e come scrivono gli ispettori «la bottega solidale non ha mai realizzato alcuna attività costituente l’oggetto sociale. Non possono inoltre essere trascurati il complesso delle anomalie relazionate, sia in ambito di fatti e atti di gestione, che in ambito di registrazioni contabili;anomalie, tutte, che si connotano come non valide ragioni economico-aziendali e che si estendono in tutto il lungo arco di tempo esaminato 2005/2010 privando di trasparenza e intelligibilità molteplici aspetti del governo dell’ente cooperativo».

La cooperativa solidale nel suo statuto prevede infatti di commercializzare all’ingrosso ed al minuto prodotti artigianali ed agricoli provenienti dal Terzo Mondo allo scopo di favorire tali produzioni e consentire in tal modo di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni di questi Paesi». Alla Quetzal non è successo perché la cooperativa si è solo occupata di produrre esclusivamente cioccolata e commercializzarla attraverso il Consorzio AltroMercato di Bolzano.

Per gli ispettori anche la gestione di servizi sociosanitari ed educativi prevista dallo statuto non è mai stata perseguita dalla cooperativa. Nell’esame dei libri contabili inoltre gli ispettori hanno riscontrato una «anomala gestione contabile ed amministrativa» dal 2005 al 2009. Molte le incongruenze riscontrate tra cui la mancata distinzione dello scambio mutualistico con i soci rispetto a rapporti con terzi.

Nel corso dell’anno 2009 sono stati assunti 17 lavoratori di cui 15 soci e nell’anno 2010 risultano assunti 15 lavoratori di cui 11 soci. «Pertanto – si legge nel verbale - la cooperativa intrattiene rapporti di lavoro anche con non soci, tuttavia non effettua alcuna distinzione nella contabilità aziendale». Tra le altre incongruenze il mancato inserimento, come previsto dallo statuto, di persone svantaggiate e la mancata distribuzione di utili ai soci oltre ad un paio di controversie lavorative con due soci che si sono manifestate con denuncie alla Procura della Repubblica.

La cooperativa equa e solidale Quetzal è nata in città grazie all’entusiasmo ed alla buona volontà di numerosi giovani provenienti dall’area cattolica e si è imposta all’attenzione per la cura e la qualità nella produzione del cioccolato modicano grazie all’utilizzo di cacao e zucchero provenienti dai Paesi del terzo Mondo.

(nella foto: la sede di Corso Umberto)


Capire
10/08/2011 | 16.49.30
Un Modicano normale

Caro "Modicano",
se rischi di impazzire per quello che Tu chiami "Vox populi.. ecc..."sicuramente arriveresti al suicidio se Tu leggessi le 40 pagine del verbale finale degli ispettori pubblicato in altri giornali.Non credo proprio che gli Ispettori abbiano potuto scrivere tante cose così senza motivo.


09/08/2011 | 22.24.25
un modicano

A volte impazzirei con questo vox populi su un argomento insolito e incredibilmente strumentalizzato. Non è in mio potere giudicare i giornalisti ed i commentatori occasionali ma a me hanno imparato che prima di scrivere o commentare qualcosa devo capire e sapere. Vorrei dire a chiunque in questi mesi ha commentato o giudicato anche politicamente la coop. Quetzal se ha avuto la forza e l´onestà di andare presso la bottega solidale e chiedere, capire, verificare, vivere quell´ambiente. io l´ho fatto da anni, e dopo quello che è successo mi sono sentito in dovere di andarci e chiedere per capire meglio.
in una società attuale in cui i valori sono al minimo vorrei proprio capire il perchè si vuole attaccare una cooperativa i cui principi, i cui scopi, i cui obiettivi devono essere l´orgoglio di noi modicani ed invece si gode se due ispettori chiedono la sua chiusura. Io da modicano lotterei, invece, per difendere la sua storia, il suo vissuto e gli ideali per cui hanno sempre lottato. L´invito che voglio fare a tutti è di andare, telefonare, vivere, capire il mondo del commercio equo solidale ed il mondo della cooperativa Quetzal. Non sono socio, non sono nessuno per la cooperativa ma per me sono la speranza che un mondo diverso, migliore può esserci per i miei figli. Verificate quello che è successo veramente e poi credo che con la vostra coscienza siate autorizzati a commentare. Un modicano deluso.


come volevasi dimostrare
09/08/2011 | 18.20.35
Vittorio

Ora gli enti sono tutti uguali, in tutti ci sono delle irregolarità, se puniscono noi devono punire tutti...

...siamo superiori moralmente ma quando fa comodo siamo uguali agli altri, quando fa comodo le leggi sono interpretabili... ci sentiamo in diritto di metterci sull´altare a fare la morale a chiunque ma quando l´evidenza dice che siamo noi "fuori legge" è il sistema ad essere sbagliato...

vedi come fanno presto i profeti della sinistra alternativa ad imparare dal nemico!


e la pro-loco di Modica?
09/08/2011 | 13.28.51
speranza

nell´articolo sopra si legge:

.......... la loro denuncia ha portato alla luce anomalie ed incongruenze nella gestione della Cooperativa oltre ad uno stato di conflittualità strisciante all’interno .......... Il rapporto dei due ispettori regionali ............ non ha fatto altro che ufficializzare le anomalie riscontrate nella gestione tanto da indurre gli ispettori ad arrivare ad una decisione drastica. La cooperativa al momento è formata da 62 soci e come scrivono gli ispettori «la bottega solidale non ha mai realizzato alcuna attività costituente l’oggetto sociale. Non possono inoltre essere trascurati il complesso delle anomalie relazionate, sia in ambito di fatti e atti di gestione, che in ambito di registrazioni contabili;anomalie, tutte, che si connotano come non valide ragioni economico-aziendali e che si estendono in tutto il lungo arco di tempo esaminato 2005/2010 privando di trasparenza e intelligibilità molteplici aspetti del governo dell’ente cooperativo».

forse qualcosa varrà anche per la pro-loco di Modica:

1) anomalie e conflittualità con i soci e i consiglieri d´amministrazione,

2) non perseguimento assoluto dell´oggetto sociale,

3)anomalie contabili,

.............................................

In considerazione dell´omertà OCCORRERA´ SICURAMENTE UNA DENUNCIA FORMALE.

A presto
speranza


profeti della giustizia
09/08/2011 | 11.38.12
Vittorio

Chissà cosa dirà il Sindaco ora che c´è un giudizio terzo e imparziale da parte di un istituzione pubblica che ha richiesto per la Quetzal la massima pena possibile.

Penserà, come è logico pensare, che se gli Ispettori della Regione sono arrivati a tanto avranno avuto i loro buoni motivi, oppure continuerà a difendere amici e parenti?

Dalla lettera del Sindaco in risposta alle lavoratrici licenziate sembrava che tutti i problemi della cooperativa fossero riconducibili a scaramucce tra soci e che gli amministatori della Quetzal, animati da dedizione e amore, fossero stati bloccati in questa loro azione solo da conflittualità strumentali.

La sinistra farà come fanno i potenti di destra? Parleranno di complotti, ingiustizie, screditeranno gli organi inquirenti? Scopriranno un ipergarantismo dell´ultima ora?

Un bel banco di prova per i profeti della giustizia.