Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 721
MODICA - 19/07/2011
Attualità - L’allarme lanciato anche da Legambiente

Mare inquinato da Scoglitti a Donnalucata

L’inquinamento deriva dalla mancata depurazione delle acque provenienti dai corsi d’acqua
Foto CorrierediRagusa.it

Goletta Verde fa scattare l’allarme in provincia di Ragusa. Nel bel mezzo della stagione turistica con migliaia di persone riversate lungo i 90 km di costa emergono punti critici. Le analisi condotte dal team di Goletta Verde e da Legambiente segnalano infatti inquinamento microbiologico al lungomare di Scoglitti ed alla foce del torrente Ippari per quanto riguarda il vittoriese mentre le analisi parlano chiaro anche per contrada Arizza e Spinasanta tra Donnalucata (foto) e Cava D’Aliga.

L’inquinamento deriva dalla mancata depurazione delle acque provenienti dai corsi d’acqua. Scoglitti e contrada Arizza rientrano tra le 90 località individuate in Sicilia da Goletta Verde che fa emergere a macchia di leopardo con punte di eccellenza, ben 34 bandiere blu, tra cui Marina di Ragusa e Maganuco, ed altre fortemente a rischio per i bagnanti. Ilo sindaco di Scicli ha preso atto del report di Goletta Verde ed ha commissionato subito le analisi ai tecnici dell’Arpa per capire se la situazione è effettivamente come segnalata.

La provincia di Ragusa presenta ugualmente alti livelli di inquinamento microbiologico. I campionamenti effettuati nel comune di Vittoria, in località Lungomare Scoglitti, riguardo la Foce Torrente Ippari, evidenziano acque fortemente inquinate. Parimenti nel comune di Scicli, presso la località Contrada Arizza, la Foce Fiume Modica è risultata fortemente inquinata. Dice Giovanni Venticinque: «Posso affermare con serenità che gli ultimi dati di cui sono in possesso, forniti dall’Arpa di Ragusa, circa eventuali ipotesi di inquinamento, sono ben al di sotto della soglia di attenzione.

Poiché però non ho nulla da temere ho contattato l’assessore provinciale all’ambiente Salvo Mallia, i responsabili dell’Arpa di Ragusa, e di comune accordo abbiamo convenuto la necessità di fare con urgenza, a partire da domani mattina, dei prelievi e dei campionamenti nei siti in questione perché si possa avere una fotografia della qualità ambientale della foce dell’Ippari e del Modica-Scicli allo stato odierno. Informerò subito i cittadini sui risultati delle analisi».


un mare di c.....a !
20/07/2011 | 13.15.15
maria

non è la prima volta che assistiamo a scie kilometriche di liquami molto "ben identificati". ma importa a qualcuno aggiustare i depuratori prima della stagione estiva, quando si sovraccaricano? diventa sempre più difficile trovare un pezzo di mare pulito.


Sospetto inquinamento anche nelle spiagge di Pozzallo (Raganzino e Maganuco)
20/07/2011 | 10.48.27
Maria Giovanna

Si segnala che, la scorsa settimana, la scrivente ha potuto constatare la presenza di sospette sostanze inquinanti (nella fattispecie schiume di colore giallastro) lungo la battigia del lungomare Raganzino di Pozzallo. Il fatto è stato immediatamente segnalato presso il comando dei Carabinieri del luogo dove sono stati consegnati alcuni prelievi di sabbia ed acqua di mare. I Carabinieri si sono mostrati subito sensibili alla problematica inviando, per le verifiche del caso, i campioni da me prelevati. Si è in attesa dei risultati relativi all´analisi dei campioni consegnati.
A distanza di qualche giorno dall´accaduto, le stesse sostanze inquinanti sono state rilevate anche presso la spiaggia di Maganuco.
Sarebbe in ogni modo opportuno che le Autorità competenti (Comuni,Provincia Regionale, Procura della Repubblica) svolgessero gli opportini accertamenti, a prescindere dalle iniziative dei singoli privati.
Maria Giovanna