Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1308
MODICA - 13/07/2011
Attualità - La segnalazione arriva dai residenti e da quattro consiglieri comunali

Pericolo "tappo" nell´alveo acque bianche della via Trani

E’ prevista una costruzione che potrebbe ostruire il deflusso delle acque bianche

Bisogna preservare l’alveo del corso d’acqua che scende dalla via Trani. Quattro consiglieri comunali hanno posto il problema che potrebbe verificarsi in seguito in una zona all’intersezione tra via Trani e via Nazionale. Carmelo Cerruto, Giancarlo Poidomani , Nino Cerruto e Vito D’Antona hanno infatti verificato che nella zona in questione è previsto un edificio che non risulta compatibile con la canalizzazione delle acque bianche perché ne occluderebbe lo scorrimento.

Le acque bianche del quartiere S. Cuore infatti sono incanalate lungo questo alveo naturale perché non esiste nel quartiere una rete comunale di smaltimento delle acque piovane. I quattro consiglieri ritengono che è il caso di approfondire tutta la questione per non creare problemi in futuro. C’è anche un risvolto riguardante la Protezione civile e l’assetto geologico che va approfondito per cui i consiglieri hanno chiesto al sindaco di dare una risposta certa ai tanti cittadini ed ai molti residenti che hanno segnalato il caso.

Le acque bianche provenienti dal S. Cuore vengono poi fatte defluire lungo l’alveo del torrente Moticano che a sua volta è invaso da materiale di risulta, da piccoli insediamenti produttivi che hanno ammassato i loro prodotti e le loro mercanzie restringendo di fatto il fluire naturale delle acque. Sarrà anche il caso di approfondire anche questa aspetto della questione per non ritrovarsi con un alveo intasato oltremisura con un effetto «tappo».