Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 968
MODICA - 05/07/2011
Attualità - Assemblea alla Domus Petri per decidere azioni di lotta

Le cartelle Serit angosciano artigiani e commercianti

Il Mac è in prima fila per ottenere la cancellazione di interessi e tasse sui contributi Inps

Il Movimento autonomo dei commercianti, Mac, riporta l’attenzione sulle cartelle esattoriali emesse dalla Serit per il mancato pagamento dei tributi Inps. Una assemblea si è tenuta alla Domus Petri ed un secondo incontro è in programma per stasera per concordare tra gli interessati iniziative di lotta a sostegno della vertenza.

Il parroco di S. Pietro. Don Corrado Lorefice, è intervenuto per portare il sostegno della chiesa ai commercianti ed agli artigiani che da anni sono alle prese con la risoluzione del problema. Il mancato pagamento dei tributi dovuti all’Inps negli anni ha provocato l’aumento dell’aggio e delle tasse causando in alcuni casi il raddoppio del tributo dovuto. «Noi vogliamo pagare –dice Salvatore Careno- Ma chiediamo dilazioni di pagamento e soprattutto l’eliminazione delle tasse che gravano sui contributi non pagati. Le cartelle esattoriali hanno raggiunto livelli che le categorie interessate non possono sostenere». Commercianti ed artigiani hanno lamentato l’assenza delle istituzioni e dei rappresentanti parlamentari al loro fianco nonostante le tante promesse.

La questione appare di difficile soluzione e coinvolge migliaia di contribuenti in tutta la provincia. Delle cartelle esattoriali si è occupato il governo regionale senza che tuttavia si sia riusciti a far breccia nella Serit che non intende recedere rispetto alle somme maturate che in molti casi sono frutto più di interessi e tassi che dell’effettivo tributo da versare.


Ora o mai più combattiamo le ingiustizie dello stato
16/07/2011 | 23.17.25
carmelo

Finalmente dal basso iniziano i movimenti di protesta, e solo riuscendo a fare rete tra di noi possiamo ottenere dei risultati. Mac movimento artigiani e commercianti di modica, movimento dei forconi di avola, movimento dei pastori sardi ne sono un valido esempio, aspettiamo che tutta la sicilia esca allo scoperto per salvare le proprie imprese e le proprie famiglie dallo stato usurario che la regione sicilia con la serit e il governo italiano con equitalia ci hanno imposto. l´unione fa la forza


GUAI SERI
06/07/2011 | 16.00.56
ANDREA

MOLTI PENSANO CHE DIETRO A OGNI IMPRESA PRIVATA SIA DI TIPO COMMERCIALE,SIA DI TIPO ARTIGIANALE CI SIAMO MIGLIAI DI EURINI DI GUADAGNO...SFATIAMO QUESTO MITO,FORSEUN TEMPO,ANNI FA QUANDO NN CI TASSAVANO PURE L´ARIA..OGGI SE NN SI ARRIVA A PAGARE L´INPS NN è PER SCELTA MA SEMPLICEMENTE PERCHè AVVOLTE SI SCEGLIE TRA PAGARE I SERVIZI DI PRIMA NECESSITà TIPO L´ENEL CHE TI PERMETTONO DI LAVORARE E ALTRE COSE,CHE NOSTRO MALGRADO,VENGONO DOPO.
QUESTO NN LO CAPISCE CHI STA IN ALTO,A CUI TANTO LO STIPENDIO ARRIVA LO STESSO,NOI INVECE,NONOSTANTE TANTE FATICHE,CI TROVIAMO SPESSO DAVANTI A UN DIPENDENTE BANCARIO CHE DEI TUOI PROBLEMI FRANCAMENTE NN SA CHE FARSENE...


assurda doppia penalizzazione
06/07/2011 | 9.37.59
antonio

gia´il mancato pagamento di una rata all´INPS si ripercuote negativamente e ci penalizza sulla nostra futura posizione in termini pensionistici , pertanto queste vessazioni dovuti ad interessi ,spese ed aggravi sono esosi ed iniqui oltre che ingiusti perche´ penalizzano doppiamente chi non puo´ o non potuto pagare in passato .