Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 757
MODICA - 19/01/2008
Attualità - Modica - L’assessore alla viabilità vuol fare il bis dopo la zona Sorda

Rivoluzione traffico in centro
storico? Aprile è già pronto

Il piano è in fase di elaborazione da parte dei tecnici Foto Corrierediragusa.it

« Pronti a mettere mano al piano del traffico del centro storico. Quello del S. Cuore è ormai metabolizzato e sta dando dei risultati positivi; ora pensiamo al centro storico e vogliamo chiudere in tempi brevi». Giorgio Aprile, assessore alla viabilità (nella foto), è al lavoro insieme ai tecnici per formulare il piano del centro storico e sottoporrà nei prossimi giorni la bozza ai capigruppo.

Seguirà una pausa di riflessione per poi arrivare in giunta con il varo del provvedimento. Aprile ha avuto il via libera dai partiti della maggioranza anche se sa che il traffico è materia molto delicata e sensibile. « Il piano del centro storico ? dice nella sua sala operativa del PalaAzasi con tanto di carta della zona di intervento ? è molto più delicato del S. Cuore. C

i sono passaggi obbligati e molte meno strade alternative rispetto al S. Cuore. La mia idea personale è quella di arrivare a chiudere il corso Umberto almeno nei fine settimana ma per fare questo ci sono da consumare alcuni passaggi fondamentali. Il primo è il nuovo sistema dei trasporti urbani che abbiamo messo a punto con l’Ast grazie alla convenzione sottoscritta. Se vogliamo che la gente lasci la macchina e cammini in un corso Umberto libero da rumori ed inquinamento dobbiamo dare una alternativa credibile per arrivare in centro. Da qui la necessità di istituire corse più frequenti e numerose dai vari quartieri nei limiti della disponibilità dei km che la convenzione con l’Ast ci assegna perché non vogliamo gravare sul bilancio comunale.»

Saranno infatti sei le corse che attraverseranno il corso Umberto e collegheranno tutte le zone della città al centro storico. Avranno un senso circolare e dimezzeranno rispetto al passato i tempi di attesa. « Due corse interessano Modica Alta; una scenderà dal versante di S. Giorgio, una salirà dalla via Fontana. I tempi di percorrenza sono di venti minuti. Per il Dente il collegamento sarà dal terminal di S. Francesco alla Cava, per il quartiere S. Cuore utilizzeremo la via Nazionale e la via Tirella, da Modica Alta istituiremo un nuovo collegamento diretto che percorrerà il viadotto. I due punti di partenza degli autobus saranno a S. Frncesco alla Cava ed in viale Medaglie d’oro. Una volta assicurati i trasporti pubblici possiamo pensare a varie forme di chiusura al traffico del corso Umberto. Nell’immediato tuttavia ci sono alcuni provvedimenti per migliorare la viabilità.»

Aprile non si vuole ancora sbilanciare ma il primo intervento sarà per la rotatoria di piazza Municipio dove non sarà più consentito svoltare. La colonnina sarà eliminata e sarà invece creata una rotatoria ampia nello slargo alle spalle della chiesa di S. Maria. L’idea è di dissuadere quanti intasano il tratto di corso Umberto da piazza Municipio a piazza Rizzone ma anche di non creare una intersezione che è la causa, dati alla mano, degli intasamenti più pesanti. Nella zona di S. Maria e di viale Quasimodo saranno inoltre ricavati ulteriori parcheggi con creazione di nuovi spazi al centro della carreggiata.