Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 665
MODICA - 23/06/2011
Attualità - Parla l’ex consigliere comunale

Antenna Wind in via Botta, interviene Ruffino

"La giunta faccia chiarezza"

In ordine ai rischi sulla salute dei cittadini residenti a Modica Alta a proposito dei campi elettromagnetici dell’Antenna Wind di Via Botta, interviene il già consigliere comunale Enzo Ruffino, residente di Modica Alta , e portavoce anch’egli della protesta e della preoccupazione espressa dai cittadini.

«Il problema è stato mal posto da chi ,sulla questione, vuole solo trarre benefici di immagine e trova ampie responsabilità sul silenzio dell’Amministrazione comunale, incapace di vigilare sulla rigida osservanza delle norme in materia. Fare una battaglia per delocalizzare l’antenna di telefonia, equivale a mistificare il problema e nascondere ai cittadini la soluzione».

«Installarla dove? Sempre a Modica Alta. La favoletta è solo al primo capitolo- scrive Ruffino. «Se è vero che «il regolamento, all’art.3, comma 3°, impone che le antenne dei cellulari devono essere installate su immobili di proprietà comunale, quale soluzione si propone allora per il trasferimento dell’antenna? Esiste già una prateria di terreni disabitati per non danneggiare nessun altro residente o cittadino di Modca Alta? Noi non crediamo».

«Il sospetto è che le battaglie condotte sin qui da parte degli attori che si sono succeduti nella questione , sia solo una maschera alla soluzione definitiva».

«Si abbia il coraggio di dire- conclude Ruffino- con chiarezza dove l’antenna deve essere allocata, senza tergiversare e senza occultare nulla ai cittadini. Se così non fosse si confermerebbero le tesi dei demagoghi, pronti a ad intercettare un problema per un ritorno d’immagine, piuttosto che risolvere il problema nell’interesse di tutta la comunità».