Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 411
MODICA - 14/06/2011
Attualità - Il sindaco attende le proposte delle picccole e medie imprese per il rilancio del comparto

Buscema alla Cna: "Prg opportunità di sviluppo"

Resta sempre sul tappeto la questione delle concessioni edilizie non evase

Pronti a collaborare. L’amministrazione vuole andare incontro alle richieste delle piccole e medie imprese che hanno sollecitato attraverso la Cna una serie di interventi per risolvere i problemi strutturali di un settore che sta sentendo la crisi. Dice il sindaco Antonello Buscema: « Dobbiamo cogliere l’opportunità offerta dalla adozione della variante al piano regolatore per la quale abbiamo chiesto in modo pressante l’insediamento del commissario ad acta, nominato già dall’assessorato regionale all’Ambiente.

La Cna più di chiunque è certamente titolata a farci ulteriori proposte affinché il piano sia adeguato a governarne lo sviluppo. Per quanto riguarda la zona artigianale di contrada Michelica e il suo ampliamento, proprio con la CNA l’amministrazione ha già collaborato negli ultimi mesi per sollecitare le manifestazioni di interesse all´insediamento in quest´area da parte delle imprese, allo scopo di concludere le procedure per sbloccare i fondi ex Insicem e per poterli utilizzare come co-finanziamento per poter accedere ad altre risorse attraverso i bandi comunitari. Siamo pronti a raccogliere sollecitazioni e suggerimenti per condividere l´elaborazione di progetti utili ad attrarre nuove fonti di finanziamento per strutture, infrastrutture e servizi alle imprese».

Sul punto dolente delle pratiche di concessione edilizia ferme all’Ufficio Urbanistica il sindaco ha rimarcato che grazie all’incentivazione dei dipendenti ed il rafforzamento del personale il numero delle pratiche si è abbattuto di oltre il cinquanta per cento anche se molto resta da fare. Professionisti e tecnici lamentano infatti tempi lunghi e soprattutto le difficoltà di istruire le pratiche oltre a costi che sono più alti rispetto a tutti gli altri comuni della provincia.