Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1153
MODICA - 06/06/2011
Attualità - Trenta stand, dimostrazioni, degustazioni e convegni nell’appuntamento "en plein air"

Fieramente in Fiera si muove per la chiesa di S. Venera

La manifestazione è stata promossa per una raccolta di fondi finalizzati al restauro del monumento
Foto CorrierediRagusa.it

Trenta stand, due convegni, degustazioni, musica e poesia. Sono stati questi gli ingredienti di «Fieramenti in Fiera» la manifestazione promossa dal «Centro studi sulla Contea di Modica» tenutosi presso la masseria Cianciò nel cuore della più autentica campagna modicana. L’iniziativa è stata voluta quale raccolta fondi per il recupero e la sistemazione della chiesetta di S. Venera, recentemente acquistata grazie ai fondi messi a disposizione dai soci del sodalizio, presieduto da Paolo Failla.

Anna Maria Sammito, assessore alla cultura, ha tenuto un incontro all’interno della struttura ricettiva, sulla storia e l’architettura della chiesetta che si trova incastonata in uno dei quartiere più antichi della città ma che è abbandonata da decenni per cui affreschi e gessi rischiano danni irreversibili. Fieramente in Fiera ha promosso anche l’enogastronomia locale con degustazione dell’olio e la guida al pane di pasta dura grazie ad una conversazione tenuta da Orazio Sortino dell’Università di Catania. Ad Enrico ed Alessandra Russino invece il compito di illustrare bontà e sapori delle piante aromatiche del nostro territorio.

Nel vasto prato di Cianciò, addobbato con stand e manufatti originali di artigiani locali, non è mancato l’angolo della poesia con Enzo Ruta di Controscena Teatro che ha letto brani di Carrubi e Cavalieri di Raffaele Poidomani e poesie in vernacolo di Egidio Galfo e Carmelo assenza. Gina Ricca, vicepresidente del Centro studi, ed ideatrice della giornata «en plein air», ha rinviato tutti gli ospiti ad una prossima occasione visto il positivo esordio della manifestazione che ha saputo coniugare qualità, originalità, amore per la natura e rispetto per il patrimonio storico e culturale della città.

(Nella foto: da sin. Gina Ricca, Paolo Failla, Annamaria Sammito)