Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 857
MODICA - 29/05/2011
Attualità - Direttore del servizio di vigilanza urbanistica dell’assessorato al Territorio

Donatello Messina commissario ad acta variante Prg

Dice l’assessore Giurdanella: "Abbiamo perorato la nostra causa e chiesto di accelerare i tempi"
Foto CorrierediRagusa.it

Donatello Messina (foto), ingegnere, direttore del servizio di vigilanza urbanistica dell’assessorato regionale al Territorio ed Ambiente, è il commissario ad acta per la variante al piano regolatore. La nomina è stata ufficializzata nel corso dell’incontro che il sindaco Antonello Buscema e l’assessore all’Urbanistica, Giovanni Giurdanella, hano avuto a Palermo in sede di assessorato.

Dice l’assessore Giurdanella: « Abbiamo perorato la nostra causa e chiesto di accelerare al massimo i tempi perché ci troviamo in difficoltà senza uno strumento di pianificazione urbanistica. L’amministrazione ha fatto da tempo il suo dovere e vuole dare una risposta alla città». Il decreto di nomina è stato già firmato dall’assessore al Territorio, Calogero Sparma, e se ne attende solo la registrazione. Questa dovrebbe avvenire già in settimana e Donatello Messina potrà a quel punto insediarsi a palazzo S. Domenico quale commissario ad acta.

Donatello Messina conosce già la realtà modicana avendo svolto altri incarichi a palazzo S. Domenico sempre nella qualità di commissario; il funzionario inoltre è tra quelli più preparati per affrontare la questione Prg visto che ha avuto incarichi del genere in altri comuni siciliani, tra cui Taormina. Il commissario prenderà in consegna il voluminoso incartamento della variante al piano così come è stata redatta dall’equipe del redattore Giuseppe Rodriquez e ne prenderà atto. Nella valutazione dell’amministrazione il periodo di tempo che intercorrerà tra l’esame degli atti e l’adozione della variante sarà molto ristretto visto che non ci potrà essere dibattito in sede di consiglio comunale.

Il sette marzo scorso infatti il presidente del consiglio, Carmelo Scarso, ha dovuto prendere atto della incompatibilità di 16 consiglieri su trenta rimandando gli atti al sindaco. I sedici consiglieri sono figurano tre Pd Carmelo Cerruto, Salvador Avola e Giorgio Zaccaria; quattro Mpa Silvio Iabichella (oggi assessore), Piero Covato, Leonardo Aurnia,Michele Mavilla; nel Pdl Bartolo Azzaro, Nino Gerratana, Luigi Carpenzano, Giovanni Migliore in Idea di Centro; nel Pid Paolo Nigro e Giorgio Aprile, nell’Udc Concetto Puccia ritenuto incompatibile perché non ha presentato alla scadenza dei termini la dichiarazione, Salvatore Cannata dei Popolari e Michele Colombo di Modica in Primo Piano.

Ci sono voluti oltre due mesi per arrivare alla nomina del commissario e si prevede che dal suo insediamento formale ne potranno trascorrere altrettanti tra esame dei documenti, adozione e pubblicazione ai fini di eventuali eccezioni da parte dei cittadini. In termini concreti la variante al Prg potrà essere adottata subito dopo l’estate ponendo fine ad una vicenda ormai trentennale. Il caso Prg è stato oggetto di dibattito e di confronto tra le parti politiche. Vito D’Antona (SEL) è intervenuto a più riprese per sollecitare l’amministrazione ad accelerare i tempi della nomina del commissario vista l’emergenza urbanistica in città; ultimo a dire la sua in ordine di tempo Michele D’Urso (Pdl) che ha lamentato l’approccio quasi distaccato al problema da parte del sindaco e della giunta.