Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 934
MODICA - 27/05/2011
Attualità - Il Consiglio dei ministri non decide sulla sospensione del deputato e congela le indennità

Riccardo Minardo ai domiciliari prende mille 800 euro

La prassi prevede la sospensione del parlamentare e la nomina di un sostituto
Foto CorrierediRagusa.it

Mentre il Consiglio dei ministri non si è ancora pronunciato sulla sospensione di Riccardo Minardo (foto) dalla carica di deputato regionale e presidente della prima commissione affari istituzionale all’Ars, agli arresti domiciliari per la nota vicenda Copai, l’esponente ibleo del Mpa avrebbe percepito fino allo scorso aprile, un paio di gionri prima dell´arresto, lo stipendio dall’Assemblea regionale siciliana, circa 19 mila 685 euro, lorde. I nostri deputati regionali, difatti, unici in Italia, percepiscono uno stipendio equiparabile a quello dei senatori, senza contare i benefit.

Ma il legale del parlamentare modicano, l´avvocato Carmelo Scarso, precisa che, rispetto a quanto avevamo riportato in precedenza, il suo assistito non ha percepito anche la mensilità di maggio. "L´on Riccardo Minardo - dice l´avvocato Scarso - ha percepito solo la mensilità di aprile. Da quando si trova in regime di detenzione domiciliare non ha avuto accreditato il mese di maggio, che è stato, di fatto "congelato". Le fonti che dichiarano il contrario lo fanno evidentemente solo con il preciso intento di pescare nel torbido".

Ma da fonti vicine all´Ars fanno invece sapere che "qualcosa", in effetti, Minardo continua a prendere: si tratta di mille 810 euro nette, equivalenti al 50% dell´indennità di deputato, come previsto per legge dall´Ars. A Minardo sono state "congelate" tutte le diarie, i benefit e le indennità varie, compresa quella di presidente di commissione.

Minardo e gli altri 4 soggetti ai domiciliari sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alle truffe aggravate ai danni della Comunità Europea, dello Stato e di altri Enti pubblici. A Minardo vengono anche contestati i reati di malversazioni ai danni dello Stato, evasione fiscale e riciclaggio di denaro proveniente dagli illeciti che gli vengono addebitati. In attesa della sospensione dalla carica di deputato e la conseguente nomina di un sostituto, come prevede la prassi, il consiglio dei ministri ha quindi bloccato lo stipendio a Riccardo Minardo, che, nei prossimi giorni, dovrebbe essere sostituito in via temporanea all´Ars dal sindaco di Pozzallo Peppe Sulsenti, che subentrerebbe a Minardo almeno fino a quando la posizione giudiziaria del parlamentare modicano non sarà definita

Nel triennio 2005/2007 i 90 deputati si sono addirittura aumentati del 114 per cento la loro indennità di carica. Una foto impietosa degli sprechi dell´ente regionale sulla quale anche il Tar ha richiesto, lo scorso gennaio, di vederci chiaro. Il Tribunale intende conoscere anche l´entità delle spese accessorie e l´indicazione dello strumento amministrativo previsto per la liquidazione delle singole somme poi pagate a ciascun deputato, sia a titolo di competenze che di rimborsi.

ECCO QUANTO COSTA AI SICILIANI UN DEPUTATO REGIONALE

L´indennità prevista è determinata dalla legge regionale n. 44 del 30 dicembre 1965, è corrisposta per 12 mensilità ed è pari a 5.390,58 euro.

La Diaria è di 3.500 euro mensili.

Il rimborso delle spese per lo svolgimento del mandato parlamentare è di 4.178,36 euro e viene assegnato direttamente al Gruppo parlamentare di appartenenza.

Le spese di trasporto (ferroviario, aereo e marittimo) prevedono un rimborso spese forfetario annuo di euro 10.095,84.

Inoltre è prevista una indennità di trasporto su gomma per le spese sostenute per raggiungere la sede dell’Assemblea il cui ammontare annuo è pari a euro 13.293 per il Deputato che debba percorrere una distanza massima di 100 Km, è pari a 15.979 se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.

Per i Deputati residenti a Palermo tale rimborso è corrisposto nella misura di euro 6.646.

Le spese telefoniche sono coperte da un rimborso forfettario di 4.150 euro all´anno.

Assegno di cessazione mandato pari a 9.500 euro per ogni anno di carica.

Assegno vitalizio da 3.000 a 9.500 euro mensili in base agli anni di servizio in carica.

A tutto questo dovete aggiungere che se oltre a essere onorevoli ricoprono anche un´altra carica all´interno dell´assemblea prendono ulteriori indennità, cioè il presidente dell´assemblea oltre alle somme citate sopra prende anche 7.724,34 euro.

Vice Presidente 5.149,56 euro

Deputati Questori 4.642,63 euro

Deputati Segretari e Presidenti Commissione 3.316,16 euro

Vice Presidente Commissione 829,04 euro

Segretario Commissione 414,52 euro

Su 90 deputati, ben 78 (quasi i 3 terzi) hanno il doppio incarico

La spesa totale della Regione Siciliana ammonta a 13,5 milioni di sole indennità, ai quali bisogna aggiungere 4,4 milioni di diaria, 1,2 milioni di indennità di ufficio, 2,85 milioni per spese e rimborsi e 400 mila Euro per deputazioni e missioni. In totale 22 milioni e 350 mila euro all´anno.