Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 408
MODICA - 19/05/2011
Attualità - Manca personale, scarseggiano i mezzi e le code si allungano

Ufficio Urbanistica, pratiche lente e mancati introiti

L’assessore Giovanni Giurdanella rivendica un’accelerazione grazie ad una serie di provvedimenti

Un ufficio dislocato su tre sedi, personale insufficiente, poche risorse e tanto lavoro. Le lamentele fioccano per le risposte che l’Ufficio urbanistica non riesce a dare in tempi reali. Oltre ai disagi ed alle lungaggini per gli utenti c’è anche il danno per lo steso ente perché non si riescono ad incamerare gli oneri di urbanizzazione che ogni concessione edilizia porta con sé. Imprenditori, ingegneri, geometri, architetti, titolari di imprese sono dunque costretti ad attendere perché il personale dell’Urbanistica non riesce a far fronte alla mole di lavoro accumulata. Il personale è inoltre costretto ad operare con pochi mezzi, visto che mancano fotocopiatrici, linee telefoniche, collegamenti ad Internet, fax.

Dice l’assessore all’ urbanistica, Giovanni Giurdanella: «Il problema esiste ma all’inizio dell’anno ho già fissato un obiettivo ovvero l’evasione di tutte le pratiche giacenti entro pochi mesi prima che il commissario regionale adotti il Piano Regolatore Generale, a garanzia dei cittadini e delle imprese che già da tempo hanno presentato le istanze. Ho dunque autorizzato un monte ore per lavoro straordinario ed i risultati sono soddisfacenti: se dal 1 gennaio al 16 aprile erano state infatti esitate solo 50 concessioni edilizie, dal 16 aprile al 12 maggio, dunque in meno di un mese, ne sono state esitate ben 35 facendo incassare all’ente circa mezzo milione di euro di soli oneri di urbanizzazione. Altre pratiche sono state esitate con il meccanismo del silenzio assenso ed altre sono state respinte».

I prossimi mesi saranno tuttavia difficili visto che alcuni funzionari ed impiegati saranno collocati in pensione e per i locali bisogna attendere di avere a disposizione risorse per avviare alcuni urgenti lavori.