Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1110
MODICA - 17/05/2011
Attualità - Il presidente Cultrera tira le orecchie al sindaco Buscema a proposito di Treppiedi Nord

Niente demagogia e protagonismi sugli alloggi Iacp

"I buoni rapporti tra i due enti non possono essere inficiati dal consueto e meschino modo da parte del solito untore di turno che, continuando, a utilizzare metodi subdoli, s’appropria di competenze e di spazi pur di aggiungere i propri obiettivi».

La sistemazione e l’adeguamento degli alloggi Iacp a Treppiedi nord fa arrabbiare il presidente Giovanni Cultrera. Al presidente dello Iacp non è piaciuta la fuga in avanti degli amministratori di palazzo S. Domenico che nel giro di qualche mese hanno tenuto tre incontri con gli inquilini degli stabili non informando e soprattutto non invitando alcun rappresentante dell’ente.

Giovanni Cultrera conferma: « Non siamo stati mai contattati e ci dispiace che qualcuno, volendo pescare nel torbido, com’è abituato a fare e a comportarsi, dimentichi o faccia finta di dimenticare che la proprietà di Treppiedi Nord è dell’Istituto, ch’è l’unico ad averne titolo e a legittimarne l’operato. Non consentiremo a nessuno di speculare per arricchire ulteriormente il suo pacchetto di voti e aumentare i suoi elettori, creando scompiglio e propalando bugie e promesse nel tentativo di legittimarsi, indebitamente. C’è sicuramente qualcuno che ha interesse a disseminare zizzanie tra i due enti: Comune e Iacp». Una sciabolata vera e propria che rischia di mandare all’aria tutto il lavoro preparatorio che l’amministrazione sta facendo insieme ai tecnici nell’ambito del contratto di quartiere, i cui lavori sono stati già avviati.

Proprio nell’ambito del contratto di quartiere è prevista la sistemazione degli stabili ma il presidente dello Iacp avverte: « I rapporti di lavoro debbono essere concordati tra la direzione dei lavori e il legale rappresentante dello Iacp, che è il legittimo proprietario degli alloggi ed, eventualmente, i proprietari degli alloggi, sempre che paghino la quota di lavori loro spettante». Prima i soldi dei fitti e poi i lavori , dice il presidente, alla luce delle tante morosità emergenti proprio a Treppiedi. Dal canto suo l’amministrazione ha affidato all’associazione «Treppiedi sopra il cielo» il compito di segnalare disfunzioni e richieste dei vari inquilini per intervenire in modo mirato grazie al cantiere aperto.

Giovanni Cultrera tuttavia non ci sta e teme speculazioni per la ricerca del consenso: «Sindaco, assessore e qualche consigliere comunale, non possono e non debbono fare, demagogia, utilizzando Treppiedi Nord per propaganda elettorale o per speculazione politica. Mi auguro che non si ripeta più quanto è accaduto e che il comune individui i responsabili, anzi gli irresponsabili e i facinorosi che hanno a cuore , unicamente, il proprio interesse personale. Spero, inoltre, che l’assessore Giuseppe Sammito non si presti più a certi giochi di taluni avventurieri. I buoni rapporti tra i due enti non possono essere inficiati dal consueto e meschino modo da parte del solito untore di turno che, continuando, a utilizzare metodi subdoli, s’appropria di competenze e di spazi pur di aggiungere i propri obiettivi».