Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1110
MODICA - 15/05/2011
Attualità - Il presidente del club Sergio Cannarella punta ad allargare il sodalizio

Il Vespa Club vuole crescere nella nuova sede

La consegna simbolica di una chiave in cioccolato per l’apertura
Foto CorrierediRagusa.it

Con la consegna simbolica di una chiave, fatta di cioccolato, il Sindaco, Antonello Buscema, il suo Vice Enzo Scarso, hanno affidato i locali del piano terra della ex Scuola media «Pietro Scrofani» in Corso Garibaldi al Presidente del Club Vespa Modica, Sergio Cannarella (nella foto con il sindaco).

E’ stato grazie all’impegno dei soci del club che è stata completata un’operazione di bonifica e di ripristino dei locali, da anni non occupati, liberandoli dalle erbacce e sistemando alcuni infissi.
La sede diventerà un Museo della Vespa e occuperà i sei locali che danno sul Corso Garibaldi che saranno recuperati sull’indicazione di un progetto che riguarderà tutta l’area data in comodato dall’Ente.

I locali occupati saranno destinati ad una segreteria, a magazzini deposito, un’officina per il restauro delle Vespe, locale per sala riunioni e conferenze e i servizi di supporto all’attività del museo.
Il presidente Sergio Cannarella potrà contare anche su un nuovo socio del club; si tratta di Antonello Buscema che si aggiunge ai 325 soci, residenti in città e nei comuni del comprensorio.

L’amministrazione ha avviato un’interlocuzione con il Dipartimento di Salute Mentale del «Maggiore» di Modica, presenti con il primario , Francesco Sanfilippo e la sociologa Alessandra Barone, sulla scorta di una convenzione per consentire a giovani in cura di poter frequentare il Vespa Club e aumentare, così, le loro condizioni conoscitive attraverso la mitica due ruote.