Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 468
MODICA - 14/01/2008
Attualità - Modica - I comuni interessati dalla possibile soppressione

Saranno i consigli comunali
a salvare il Tribunale

Ordine del giorno per chiederne il mantenimento Foto Corrierediragusa.it

Saranno i consigli comunali del comprensorio, oltre a quelli di Rosolini e Noto, ad approvare l’ordine del giorno con il quale si chiede il mantenimento del tribunale di Modica ed il contestuale allargamento della circoscrizione giudiziaria.

La seduta del consiglio comunale tenutasi nell’aula del palazzo della cultura in seduta aperta ha visto l’approvazione unanime dell’ordine del giorno proposto da Vito D’Antona e la convergenza sul disegno di legge a suo tempo presentato alla camera da Antonio Borrometi. L’ex parlamentare della Margherita ritiene che debbano essere coinvolti nella vertenza tutti gli altri comuni sede di tribunale interessati al problema ed ha rinviato alla sua bozza per l’allargamento della giurisdizione ai due comuni della provincia di Siracusa che si sono detti sin dall’inizio convinti di far parte del distretto modicano, come ha rilevato peraltro il sindaco di Noto Corrado Valvo.

Sebastiano Failla ha rilanciato preannunciando la visita del parlamentare di An Giovanni Battaglia che intende proporre anche l’estensione a Pachino e Portopalo. La Ugl ministeri ha inoltre preso posizione dichiarandosi contrario alla soppressione ed all’accorpamento a Ragusa per i disagi per l’utenza, i riflessi negativi sull’amministrazione della giustizia, i costi sociali ed economici per i dipendenti. Ai parlamentari Drago e Minardo è stato affidato il compito di seguire da vicino l’evoluzione della vicenda.