Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 674
MODICA - 09/05/2011
Attualità - Costi esorbitanti a Modica rispetto agli altri comuni per ottenere il rilascio di una licenza

La crisi dell´edilizia morde, caterpillar in piazza?

Richiedere una Certificazione di Destinazione Urbanistica a Modica ha un costo di 200 euro, mentre negli altri maggiori Comuni della Provincia non costa mai piu’ di 80 euro.
Foto CorrierediRagusa.it

Crisi edilizia in forte crescita e gli edili pensano a scendere in strada addirittura con i caterpillar in segno di protesta. Il Cse (Comitato Sviluppo Edilizio) esige risposte concrete ed immediate. Le cose da cambiare immediatamente sono il costo del deposito degli atti di aggiornamento catastale, e di quello, ritenuto esorbitante dagli operatori del settore, per richiedere i Certificati di Destinazione Urbanistica.

Modica, secondo il Cse, e’ l’unico caso in Provincia dove viene richiesto un pagamento di 30 euro (negli altri comuni e’ pari a zero) per il deposito di un frazionamento/mappale, senza che ve ne sia nessuna spiegazione, poiche’ nessuna istruttoria deve essere fatta dall’Ufficio tecnico, bensì e’ obbligatorio solo depositare l’atto al Comune, ai sensi della Legge 47/85.

Richiedere una Certificazione di Destinazione Urbanistica(C.D.U), essenziale per il rogito propedeutico alla vendita di un qualsiasi terreno, a Modica ha un costo variabile ma quasi sempre superiore a 200 euro, mentre negli altri maggiori Comuni della Provincia non costa mai piu’ di 80 euro. Lo scorso 15 gennaio, il Cse avviò un’interlocuzione con l’Assessore al ramo, Giovanni Giurdanella, ed il Dirigente dell’Ufficio Tecnico, Carmelo Denaro.

Da quell’incontro, conclude il Cse, poco o nulla è cambiato in positivo. «Se entro fine maggio non sara’ effettuata nessuna delle riduzioni da noi richiesta - scrivono in una nota gli aderenti al Cse – e se il sindaco continuerà a non ascoltare le istanze, di quanti stanno vivendo una crisi mai vista a Modica, scenderemo in piazza con i caterpillar, coinvolgendo anche le associazioni imprenditoriali, gli albi professionali, i sindacati, i politici e le associazioni dei consumatori.