Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 289
MODICA - 01/05/2011
Attualità - Modica: la decisione dell’assessore Santino Amoroso per razionalizzare la struttura

Uffici delle entrate concentrati tutti al palazzo ex Poste

Il progetto è in fase avanzata e vuole venire incontro alle esigenze dei cittadini
Foto CorrierediRagusa.it

Un ufficio unico delle entrate. Sarà ospitato nell’ex palazzo delle poste in corso Umberto (nella foto). E’ il progetto ormai in fase avanzata dell’assessore Santino Amoroso che annuncia la ristrutturazione degli uffici.

«E’ impossibile –dice Amoroso- sia per gli amministratori sia per il cittadino lavorare con uffici dislocati in diverse parti della città o in diversi palazzi. Non si possono rincorrere le pratiche, si perde tempo, e bisogna muoversi tanto. Meglio avere una struttura dove sono concentrati gli uffici delle entrate e finanziari». Santino Amoroso conta di trasferire nel giro di pochi mesi personale e mezzi nell’ex palazzo delle Poste che è stato scelto per la vicinanza con palazzo S. Domenico, per la facilità di essere raggiunto dai cittadini trovandosi al centro della città. L’ex ufficio postale si sviluppa su due piani e l’assessore ha già pensato alla sistemazione: «Al piano terra ci sarà il front office, il ricevimento delle persone, l’ufficio dei pagamenti; si potrà pagare dalla contravvenzione alla tassa sulle affissioni. Al primo piano ci saranno le stanze per gli impiegati ed i vari funzionari che si occupano di entrate e pagamenti. L’assessore avrà così la possibilità di avere tutto sottomano e di agire in tempo reale».

La decisione di trasferire gli uffici è stata condivisa dalla giunta e rappresenta una razionalizzazione dei servizi. Ragioneria, ufficio tributi, contenzioso, sportello dei pagamenti saranno a distanza di qualche porta l’uno dall’altro e cominceranno a dialogare da vicino anche perché l’altro passo verso cui l’assessore Amoroso si muove è la immissione a sistema di tutti i dati dei contribuenti per quella che sarà una vera e propria anagrafe tributaria comunale.