Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1196
MODICA - 23/04/2011
Attualità - Modica: l’appuntamento a mezzogiorno in piazza Municipio dove si incontrano il simulacro della Madonna e del Salvatore

La quarta "vasata" è stata la novità della Madonna "Vasa Vasa" 2011

Tanti i turisti attesi, la festa sarà filmata dalle telecamere della Bbc
Foto CorrierediRagusa.it

La Madonna «Vasa Vasa» 2011 ha portato il quarto bacio come sorpresa di Pasqua. C´è stata infatti la quarta baciata nella navata della chiesa di S. Maria prima che i simulacri del Salvatore e della Madonna fossero riposti nelle rispettive nicchie. La novità è stata voluta dal parroco di S. Maria, Don Antonio Fargione, per chiudere proprio in chiesa la festa più sentita e partecipata dai modicani. Confermato il rituale di sempre con le tre «vasate», avvenute al rintocco del mezzogiorno in piazza Municipio proprio di fronte a palazzo S. Domenico, poi davanti alla chiesa di S. Pietro e poi sul sagrato della chiesa di S. Maria.

Il tutto si è svolto in un tripudio di folla sin dalla prima mattinata; i giovani soprattutto hanno seguito i due simulacri. Il Salvatore alla ricerca della Madonna avvolto nel mantello rosso, la Madonna fasciata di nero, simbolo del lutto, che poi ha sciolto al suono delle campane e dei fuochi di artificio quando vedrà il Salvatore avvicinarsi a lei lungo il corso Umberto. Regista dell’incontro è stato per il 28mo anno consecutivo Mario Cappello, coadiuvato dai fili, che ha coordinato da sotto il simulacro semimobile della Madonna, mani e braccia perché queste possano abbracciare prima il figlio e poi, dopo la «vasata» impartire la benedizione a tutta la città.

La Madonna «Vasa Vasa» è il rito folkloristico più antico della città e risale all’antica Contea tanto da essere descritto dal demologo Serafino Amabile Guastella nel 1876 nel suo «Canti Popolari della Contea di Modica»: «In Modica nella processione di Pasqua la Vergine dei dolori va in traccia del figliuolo risorto, e costui della madre. Finalmente s’incontrano, tendono le braccia, e si annodano in un caldissimo amplesso. Qui succede nel popolo una tenerissima scena. I congiunti, gli amici, tutti coloro che per litigi, per parole risentite, per ingiurie sofferte, han cambiato in odio l’affetto, aprono le braccia, si baciano con effusione, e promettono non conservare rancore. Il villano dà un pugno sulle reni del villano, con il quale è stato in discordia, si netta le labbra con la manica del robbone, e qui un bacio, un bacio di quei che allargano il cuore. Ecco la vera, la santa festa cristiana».

Dal volo delle colombe che si librano da sotto il mantello nero della Madonna i «villani» descritti dal Guastella erano soliti trarre i buoni auspici per l’annata agraria a seconda delle traiettorie del volo dei colombi. Oggi la Madonna Vasa Vasa conserva il suo carattere religioso ma è anche grande attrattiva turistica visto che rimane tra gli appuntamenti più importanti della Sicilia nella domenica di Pasqua. Non a caso le telecamere della BBC filmeranno la festa per uno speciale sulla Pasqua dal titolo "Sicily Unpacked», Sicilia rivelata, che andrà in onda sui maggiori network mondiali nel mese di gennaio. Altri riti simili si celebrano in altre città del circondario ed in Sicilia ma il contesto urbanistico della città, con i suoi palazzi barocchi, sormontati dalla rupe del Castello dei Conti danno valore aggiunto al rito e fascino particolare. Tanti i turisti che saranno presenti visto che alberghi e BB fanno registrare il tutto esaurito almeno fino a lunedì.

La festa segna l’inizio della stagione turistica che porterà poi fino all’estate attraverso la festa dei due copatroni, S. Giorgio, quest’anno spostato all’8 maggio, e S. Pietro, il 29 giugno. Il traffico nel centro storico resterà chiuso dalle 10 alle 13.30 ed il comando dei vigili urbani ha predisposto un servizio capillare di controlli.

(Nella foto: il simulacro del Salvatore e della Madonna)