Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 492
MODICA - 19/04/2011
Attualità - Modica: Giovanni Migliore e Paolo Nigro premono perchè si risolva il caso

Un gazebo per la città chiede lo stop ai lavori in via Fontana

Molti i residenti intervenuti per discutere insieme ai due consiglieri comunali

Si è parlato della costruzione di uno stabile in via Fontana nel gazebo per la città. L’idea promossa dai consiglieri Giovanni Migliore(Pdl) e Paolo Nigro (Indipendente) ha portato sotto la tenda allestita di fronte alla costruzione al centro dell’attenzione molti residenti del quartiere che hanno discusso con i due promotori dell’iniziativa come operare per costringere l’amministrazione a fare un passo indietro rispetto alla concessione edilizia rilasciata per la costruzione di un edificio che affonda i suoi pilastri nell’alveo, pur dismesso, di un torrente.

L’argomento è stato dibattuto in varie sedi e l’amministrazione si è detta disponibile a fermare la costruzione grazie all’attivazione del sistema dell’urbanistica compensativa, ovvero la concessione di un’altra area edificabile ai proprietari che dovrebbero cedere all’ente l’immobile fin qui costruito dove invece sarebbe realizzata una piazzetta ed un parcheggio. Come hanno rilevato Paolo Nigro e Giovanni Migliore, dopo la sospensione dei lavori ed il sequestro del cantiere per difformità rispetto al progetto, il silenzio è calato sulla vicenda e nessun passo in avanti è stato fatto da parte dell’amministrazione.

Una mozione presentata dai due consiglieri non è stata ancora affrontata e discussa dal consiglio comunale e questo è stato uno dei motivi per i quali Nigro e Migliore hanno promosso l’iniziativa del gazebo dove i residenti hanno sostenuto la battaglia avviata e avanzato proposte per risolvere un caso che sta molto a cuore ai residenti. L’edificio infatti sorge nel bel mezzo del quartiere storico, copre in buona parte la fascia di abitazioni unifamiliari che si sviluppano su una dei fianchi della collina.