Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 332
MODICA - 14/04/2011
Attualità - Modica: turisti e comitive non possono accedere all’area verde

Le erbacce negano l´Orto del Piombo ai visitatori

I giardini si trovano alla base della chiesa di S. Giorgio
Foto CorrierediRagusa.it

Con il bel tempo arriva puntuale il problema scerbatura. Nelle aree a verde della città e soprattutto nelle campagne l’erba cresce ed invade già viali, sentieri ed aiuole. Succede nel centro storico della città dove uno dei pochi giardini disponibili è impraticabile.

E’ lo spazio verde dell’orto del Piombo(nella foto) lungo la scalinata di S. Giorgio dove l’accesso è di fatto impossibile per la presenza di erbacce, rovi ed incuria. La scalinata della chiesa è uno dei posti più suggestivi della città, è frequentata ed attraversata da frotte di turisti e comitive soprattutto nel periodo pasquale. Tanti vorrebbero riposarsi o ripararsi all’ombra dopo la salita o la visita alla chiesa magari per consumare un panino o bere qualcosa. L’orto del Piombo, una infilata di giardini che si sviluppa alla base della chiesa, non è accessibile; un cancello è addirittura chiuso con tanto di catena e catenaccio, l’altro cancello è aperto ma l’altezza delle erbacce sconsiglia anche i più avventurosi ad addentrarsi.

Eppure basterebbe una giornata di lavoro di un paio di operai per rendere l’orto del Piombo un’area accogliente ripristinando le fontanelle, riparando le panchine, potando i rami secchi. Qualche mese fa il sindaco ha premiato i giardinieri che rendono belle ed eleganti le aiuole sottostanti S. Giorgio per il tripudio di colori e di profumi che i giardinieri sono riusciti ad ottenere.

Le aiuole tuttavia non bastano perché basta girare gli occhi per avere ben altra visione che distrugge in un sol colpo quanto di buono è stato fatto.